Embedded Agency >

Storia militare

Storia del Distretto Militare di Campobasso (undicesima parte)

Valutazione attuale:  / 0
In quei giorni di estrema confusione e di fame, la Caserma “G. Pepe” subì il suo primo sfregio, nei giorni 8 e 9 Settembre, la popolazione campobassana, con il favore di un caporale e due soldati tedeschi, assaltò la caserma, razziando viveri, vestiario e suppellettili varie. Gli stessi tedeschi, inoltre, sotto l’occhio attento di una cinepresa che filmava la scena, per poi propagandare di come aiutassero gli italiani, dalle finestre dell’ultimo piano, buttarono in strada coperte ed indumenti.
Le truppe alleate, nel frattempo risalivano celermente la penisola senza incontrare, fino a quel momento, grandi difficoltà.
Fu proprio la conformazione geografica del Molise che permise ai tedeschi di approntare in un primo momento tre linee difensive “ritardatrici” (Viktor, Barbara, Bernhard), al fine di rallentare la marcia avversaria, poi, per formare, lungo la catena montuosa delle Mainarde, la prima grande linea difensiva sul suolo italiano, la “Linea Gustav”, per sbarrare la strada all’avanzata alleata. Il Molise, che già assaggiò il sapore della guerra con il bombardamento di Isernia del 10 Settembre e lo sbarco a Termoli, il 3 ottobre, delle Brigate speciali inglesi, fu la porta d’ingresso per l’8a Armata Britannica.
Nella notte tra il 5 e il 6 Ottobre, le forze della 3a Brigata Canadese, ricevettero l’ordine di iniziare immediatamente gli sforzi per l’attraversamento del Fortore, partiva così la fase delle operazioni per la presa di Campobasso.
Le operazioni, rese difficili per la distruzione del ponte 13 Archi da parte da parte dei genieri tedeschi, vide una prima fallimentare azione da parte del “Royal 22° Regiment”, respinto da un Battaglione del 15° Reggimento della 29a Divisione Panzegranadier.
L’attacco successivo, preceduto da un intenso fuoco di artiglieria, vide protagoniste le compagnie d’assalto del “Carleton and York” e quelle del Battaglione “Wst Nova Scotia”, che mossero direttamente verso l’abitato di Gambatesa. Con l’occupazione di Gambatesa e l’arretramento delle forze tedesche, si apriva, attraverso la valle del tappino, la strada verso Campobasso.
Alle ore 9:20 del 14 ottobre, sotto una sottile pioggerellina, i Royal Canadien Regiment, tra due ali di folla festante, entrarono in Campobasso. La città venne prima resa sicura, posizionando sulle sue alture postazioni di artiglieria contraerea e poi trasformata nella sua toponomastica, venne così ribattezzata “Canada Town”.
Purtroppo i guasti alla città, prodotti dai genieri tedeschi, risultarono ingenti.
Le truppe germaniche, ormai in ritirata presso la “Linea Gustav” per rallentare l’avanzata nemica, distrussero la linea ferroviaria Campobasso-Isernia, l’ufficio postale, il gasometro, tutti i mulini della città, e diedero alle fiamme la Caserma “G. Pepe”, procurando ingenti danni.
 
di Antonio Salvatore
 

Toro piange un'innocente vittima della guerra (seconda parte)

Valutazione attuale:  / 0

Intanto il fragore dello scoppio si era udito anche a Toro, tanto che mamma Pasqualina e la nuora Maria nel mentre si riscaldavano vicino al camino di casa in calata San Rocco, furono scosse dal rumore proveniente dalla canna fumaria. Non so come ma la notizia della tragedia si diffuse in paese immediatamente. Non potrò mai dimenticare la disperazione di mamma Pasqualina quando arrivò in C.da Ripitella. Dopo qualche ora il corpo di Mercurio venne adagiato sopra dei fasci di erba e cinto sul dorso di un asinello per il mesto ritorno verso Toro. Di li a poco il copioso flusso dei compaesani per rendere omaggio al  bambino. Infine, ricordo un episodio ancora molto vivo nella mia memoria: dopo qualche giorno mamma Pasqualina andò nella masseria per far mangiare le mucche ma non riusciva a trovare la chiave del locale dove era riposto il foraggio, ancora straziata dalla sofferenza invocò ad alta voce l’aiuto del figlio, ma assalita dal dolore cadde in un improvviso sonno durante il quale il piccolo Mercurio gli indicò il posto preciso dove cercare la chiave. Quando si svegliò subito cercò nel posto indicato, la chiave era esattamente lì. Precisamente un anno dopo il 29 marzo 1945 nacque il mio primogenito e primo nipote della famiglia Iacobucci, il suo nome fu Mercurio». Abbiamo   voluto   fortemente   rivivere   questa   dolorosa   vicenda,   affinché  il ricordo del piccolo Mercurio non si perda nell’oblio della memoria.

di Antonio Salvatore

 

Toro piange un'innocente vittima della guerra (prima parte)

Valutazione attuale:  / 0

La storia di Mercurio Iacobucci ha inizio il 07 ottobre 1943 durante il passaggio delle truppe tedesche in ritirata verso Campodipietra, Toro e San Giovanni in Galdo. I soldati germanici durante la loro marcia lasciano (se in maniera involontaria o meno, purtroppo non lo sapremo mai) nel podere della famiglia Iacobucci (che si trova a ridosso della strada) un micidiale ordigno attivo. Ordigno che cinque mesi dopo si rivelerà letale per il piccolo Mercurio. Mercurio nel marzo del 1944 ha solo 12 anni, sta pascolando spensieratamente le sue pecore, vede nell’erba un oggetto strano, forse lo scambia per un gioco, si ferma, lo raccoglie, si avvicina ad una pietra, accosta il torace alla pietra per imprimere più forza, impugna con decisione lo strano gioco, lo batte con forza sulla pietra. e… Per non dimenticare questa dolorosa pagina della storia di Toro, abbiamo chiesto alla Sig.ra Incoronata Rossodivita, moglie di Pasquale Iacobucci, fratello di Mercurio, di rivivere quei tragici momenti e raccontarci quell’amaro giorno di settant’anni fa: «faceva molto freddo quel pomeriggio del 28 marzo  1944,  Santuccio  e Mercurio raccomandati in mattinata da papà Giovannantonio andarono alla masseria in C.da Ripitella per accudire gli animali, Santuccio si occupò delle mucche, mentre Mercurio decise di pascolare le pecore. Ad un tratto uno scoppio fortissimo, Mercurio era morto. La prima persona ad accorrere fu Angelo Fracasso, subito dopo arrivai io ma fui fermata dallo stesso, il quale non mi permise di avvicinarmi. Ricordo ancora il sangue, la giacca che copriva il corpo e i frammenti della bomba, una specie di barattolino con dei fori al cui interno c’era un rocchetto con un filo. Nel frattempo arrivò anche papà  Giovannantonio che rientrato da Campobasso era passato per dare un’occhiata ai figli.

di Antonio Salvatore 

 

Storia del Distretto Militare di Campobasso (decima parte)

Valutazione attuale:  / 0
In questo turbinio di eventi, condito da incertezza, paura, stanchezza e soprattutto voglia di rinascita, è quanto mai interessante la lettura di tre documenti, due cartoline ed un racconto di memorie, riguardanti tre allievi del XII Battaglione d’Istruzione di Campobasso. Nelle due cartoline è chiaramente riscontrabile come, già prima della caduta del Fascismo, quella incrollabile “voglia di vittoria” e ferrea disciplina erano venute meno, anzi, si denota stanchezza e addirittura sfumature di scherno nei riguardi delle Autorità. La prima cartolina, datata 9 Aprile 1943: Faccio progressi. Sono stato consegnato per altri 10 giorni. Motivo: mangiava durante l’istruzione. Sto molto bene. Baci a tutti Raffaele. La seconda cartolina, datata 23 Maggio 1943: Io   spero  che  quando  riceverai   la  presente   mi  avrai  di  già   spedito   il  vaglia,  in  caso contrario ti supplico di farlo subito telegrafico, tu non puoi immaginare quanto si soffre quando   si   sta   per   intere   settimane   senza   un   soldo.   Scrivi   presto   e   a   lungo.   Baci, Arcangelo. Di assoluto interesse storico riveste il terzo documento, uno scritto di Enzo Santarelli, dove possiamo rilevare che proprio all’interno della Caserma “G. Pepe”, si attuarono le prime forme di “resistenza passiva” dei militari italiani nei confronti del Regime Fascista: All’   inizio   del’43   partii   con   altre   reclute,   per  una   prima   destinazione   meridionale. Indossammo la divisa e ci fu ordinato di cucire le mostrine in una caserma di Chieti, proseguimmo quindi per Campobasso, dove era dislocato il XII Battaglione Istruzione.[…] Ebbe inizio così la nostra carriera di allievi ufficiali di fanteria. […] La grande caserma di Campobasso, quadrata e su due piani, in cui si sarebbe svolta la nostra vita per qualche mese, era adiacente alla piazza Vittorio Emanuele, al centro della parte moderna della città. Fra i giardini e il corso si svolgeva il passeggio delle ore libere; […] Il Molise aveva dato i natali a Gabriele Pepe, […] e un monumento lo ricordava. A quella statua un piccolo gruppo di noi soldati, allievi ufficiali dell’ultima leva del regime, avrebbe fatto riferimento poco più avanti nel disegno  di un’insurrezione o rivolta militare soltanto immaginata e rimasta senza traccia. L’istruzione non era certo eccellente: marce fuori città, nella zona di Ripalimosani  all’incrocio  di un tratturo, primitive ed elementari simulazioni di “avvicinamento” al nemico, esercizi di tiro in un rustico poligono immerso nella campagna. La solita disciplina formale non arricchiva e nemmeno attutiva la noia di quel provvisorio soggiorno. Tuttavia, affiorava tra noi la tra trama di incontri fra gruppi di amici e corregionali, che si andava svolgendo nell’ambito dei singoli reparti. […] Il passare del tempo   e   gli   eventi   sui   fronti   di   guerra   –   la   ritirata   dall’Africa,   lo   sbarco   in   Sicilia;   il bombardamento di Roma – intensificarono le nostre reazioni. A una di queste notizie (nel reparto c’era polemica fra il nostro disfattismo e la prudenza degli altri) ricordo che alcuni di noi si abbracciarono sull’alto di una collina in una pausa delle esercitazioni, come segno di gioia per la conferma che ci veniva dai fatti…Una Sera innalzammo in camera un improvviso catafalco per celebrare   la   resa   dell’armata   italiana   in   Tunisia.   […]  Al   piano   terra   della   caserma   erano comparse scritte allusivamente antifascista, e inneggianti alla libertà, che suscitarono un vespaio. Quando,   per   la   ricorrenza   del   24   maggio,   fummo  radunati   in   piazza,   con   altri   pezzi   della cittadinanza, ad ascoltare il federale di Campobasso, consistenti grange del nostro battaglione ne seguirono il discorso sdraiandosi provocatoriamente a terra. La prima domenica di giugno fummo convocati nel cortile della caserma per ascoltare un giovane ufficiale (forse tenete Bertolla, un docente universitario di Vicenza) che seppe muoversi sul filo del rasoio parlando dello Statuto del Regno, ma in modo trasparente e senza retorica. […] Il seme che si era formato nella fronda di Campobasso stava dando  qualche esile frutto.
 
di Antonio Salvatore 
 

Storia del Distretto Militare di Campobasso (nona parte)

Valutazione attuale:  / 0

Con l’invasione della Polonia da parte delle armate tedesche, il 1 Settembre 1939, ebbe inizio una delle pagine più cruente e dolorose della storia dell’umanità: Seconda Guerra Mondiale. Sei lunghi anni di barbarie, dove eserciti e popolazione civile conobbero orrori e barbarie. L’Italia, dopo il primo anno di neutralità, con la consegna della dichiarazione di guerra agli Ambasciatori di Francia e Inghilterra, entrerà in guerra a fianco delle truppe germaniche il 10 Giugno 1940, era giunta “l’ora delle decisioni irrevocabili”. La Seconda Guerra Mondiale, dopo sei anni di indicibili sofferenze e perdite umane, terminerà con la resa del Giappone il 2 Settembre 1945. In questi anni (fino al Settembre del 1943), l’attività operativa della Caserma “G. Pepe” fu molto laboriosa, da un  lato,  il  XII  Battaglione d’Istruzione con i  corsi di Formazione per Allievi Ufficiali di Complemento, dall’altro, il Distretto Militare di Campobasso (46°) per il reclutamento e la chiamata alle armi delle classi di leva, da smistare ai vari reparti impegnati nei diversi fronti di guerra. Nel 1940 venne realizzata anche una cartolina da offrire a tutti i volontari e i richiamati in partenza per il fronte. In essa erano rappresentati: “la simbolica trilogia espressa dalla maschia figura del gen.le Pepe, dal turrito Castello Monforte e dalla massa di volontari…la bellezza ideale della nostra terra madre, patrimonio di virtù eroiche”. Il 10 Luglio 1943 il conflitto, che fino ad allora si era combattuto in terre straniere, con lo sbarco in Sicilia delle Truppe Alleate, una delle più grandi operazioni anfibie della Seconda Guerra Mondiale, nome in codice “Operazione Husky”, si spostò anche sul suolo italiano. Gli avvenimenti che seguirono, dalla caduta del Fascismo il 25 Luglio e la firma dell’Armistizio dell’8 Settembre, segnarono per sempre la recente storia d’Italia.

di Antonio Salvatore