Embedded Agency >

Altre missioni

Altre missioni

Somalia, corso Formed Police Unit

Valutazione attuale:  / 0
Nell’ambito delle attività di training intraprese dalla MIADIT nel Corno d’Africa, è stato organizzato il corso Formed Police Unit (FPU) tenuto dall’Arma dei Carabinieri con i suoi istruttori specializzati del Center of Excellence for Stability Police Units (COESPU). Il Comandante della MIADIT Colonnello Giuseppe Corso, su richiesta del Comando di vertice della Gendarmeria Nazionale Gibutiana, ha rinnovato l’impegno nella formazione dei gendarmi gibutiani, con l’avvio di un corso FPU in favore di circa 80 unità presso l’Accademia della Gendarmeria di Artà. Scopo del corso sarà quello di formare aliquote specializzate in operazioni di Peacekeeping e consentire allo Stato di Gibuti di disporre, all’occorrenza, di proprio personale da poter schierare nelle missioni sotto l’egida ONU o di altre organizzazioni, quali ad es. AMISOM, attive nel continente africano. Il corso è rivolto alla Gendarmerie Nationale de Djibouti in quanto le caratteristiche di tale forza di sicurezza nazionale sono orientabili per assolvere anche compiti tipici di un’unità di polizia mobile. Si tratta, infatti, di una Forza di Polizia ad ordinamento militare dotata di un assetto (operativo e strumentale) che, efficacemente addestrata, ben può disimpegnarsi nell’assolvere i compiti di protezione del personale e delle strutture logistiche in tutti quei contesti internazionali instabili dal punto di vista politico e/o sociale. Nel rispetto della normativa nazionale volta a prevenire e contenere la diffusione del fenomeno pandemico da COVID-19, gli istruttori della Miadit, sotto la supervisione del Comandante della Training Unit, Maggiore Marco Crescenzi, sviluppano l’intero iter addestrativo con lezioni teoriche e pratiche sul “Public order management”, sul “Check Points operations” e sulle tecniche della “Tactical progression in terrain and buildings”, necessarie alla formazione della FPU Gibutiana per il futuro impiego in aree di operazioni in favore dell’Organizzazione delle Nazioni Unite.
 
fonte Stato Maggiore della Difesa 
 

Missione in Lettonia, avvicendamento del TG Baltic

Valutazione attuale:  / 0
Si è svolta questa mattina, presso Camp Ādaži (LV), la cerimonia di avvicendamento del Task Group "Baltic", il contingente italiano schierato nell'ambito dell'enhanced Forward Presence della NATO in Lettonia. Il tradizionale passaggio della bandiera del Task Group Baltic tra i due Comandanti, il cedente Tenente Colonnello Fabrizio Esposito e il subentrante Tenente Colonnello Massimiliano Ferraresi, si è svolta con un cerimonia molto sobria, nel rispetto delle misure di tutela imposte dall'emergenza COVID. Ha presenziato alla cerimonia il Comandante della Latvian Army Infantry Mechanized brigade, Colonnello Sandris Gaugers e il Comandante dell'eFP Battle Group "Latvia" a guida canadese, Ten. Col. Trevor Norton,  che ha espresso profonda soddisfazione per l’operato del Task Group Baltic che, nonostante i forti condizionamenti imposti dall'emergenza COVID ha dimostrato professionalità, tenacia e spirito di sacrificio ha contribuito in maniera significativa al successo della missione NATO in Lettonia. Il Task Group Baltic, su base 132ª brigata corazzata “Ariete”, ha così concluso un periodo di 5 mesi di intenso impiego operativo. Molteplici e diversificate sono state le attività addestrative-operative condotte durante il mandato, nonostante i condizionamenti imposti dalle misure di prevenzione adottate per fronteggiare l’emergenza COVID e per preservare il personale dal rischio di un contagio. Al contingente della brigata Julia il mandato di perpetuare la presenza e la professionalità delle Truppe Alpine nel paese baltico per il prossimo semestre.
 
fonte Stato Maggiore della Difesa
 

Difesa: 15.000 militari italiani impegnati durante i giorni delle festività in Italia e all'estero

Valutazione attuale:  / 0
Continua, anche durante il periodo delle festività natalizie l’impegno delle Forze Armate sia in Patria sia all’estero. Sono infatti circa 7800 i militari dell’Operazione Strade Sicure impiegati sul territorio nazionale per il presidio, in concorso alle forze di polizia, di obiettivi sensibili, luoghi di culto, snodi ferroviari e metropolitane delle città italiane cui si aggiungono 7500 uomini e donne delle Forze Armate che operano in 39 missioni internazionali in 24 Paesi. Impegno che si è arricchito di una nuova sfida, quella portata dall’emergenza epidemiologica Covid 19. Difatti, sia nel corso della prima ondata e successivamente nella seconda con l’Operazione IGEA prima e con l’avvento dell’Operazione EOS poi, iniziative volute dal Ministro della Difesa Guerini, il Comando Operativo di Vertice Interforze (COI) ha pianificato e diretto lo sforzo delle Forze Armate, in sinergia con la struttura commissariale per la gestione e il contrasto dell’epidemia della Presidenza del Consiglio, volto a supportare il Ministero della Salute, in coordinamento con le Autorità sanitarie locali e la Protezione Civile.
Dal 23 ottobre 200 Drive Through Difesa (DTD) sono stati resi disponibili per effettuare tamponi, ad oggi oltre 860.000, da parte team interforze di personale sanitario, per un totale di circa 430 tra medici e infermieri, analizzati, poi, negli 8 laboratori sanitari stanziali e 2 mobili delle Forze Armate. A questi, si aggiungono la disponibilità di 230 posti letti, di cui 54 per la terapia intensiva, dell’Ospedale Militare del Celio di Roma e dei Centri Medici Ospedalieri di Milano e Taranto, le 18 strutture logistiche impiegabili come “Covid Hotel” e 5 strutture sanitarie campali che contribuiscono ad alleggerire la pressione sul Servizio Sanitario Nazionale. Con il Vaccine Day ha avuto inizio, il 26 dicembre, anche l’Operazione EOS, in supporto alla campagna di vaccinazione nazionale, che, a parte la distribuzione iniziale delle prime 9.750 dosi vaccinali, entrerà nel vivo agli inizi del prossimo anno quando le Forze Armate provvederanno allo stoccaggio e vigilanza dei vaccini nell’hub principale di Pratica di Mare da dove verranno trasportati, grazie all’impiego di 11 aerei, 73 elicotteri e 360 mezzi terrestri verso i 21 hub secondari dislocati in tutte le regioni per poi essere distribuiti ai vari siti di somministrazione individuati dalla struttura commissariale.
Altrettanto significativo è il contributo delle Forze Armate nelle Operazioni all’estero, dove sono impegnate con 7.500 uomini e donne nell’ambito di coalizioni multinazionali o sotto l’egida della NATO, Unione Europea e ONU, dall’Africa sub-sahariana all’Afghanistan, attraverso il Mediterraneo, i Balcani, il Libano e il Medio-Oriente, fino alle acque dell’Oceano Indiano, contribuendo attraverso attività di capacity building alla stabilizzazione delle aree di impiego, piuttosto che svolgendo operazioni volte a rafforzare la difesa degli spazi euro atlantici, lungo il fianco est, nei cieli e nei mari dell’Alleanza.
 
fonte Stato Maggiore della Difesa

Nell'inferno di Beirut arrivano i soccorsi italiani

Valutazione attuale:  / 0
Le forti esplosioni di Beirut ad oggi hanno causato 135 morti, 5000 feriti ed oltre 1500 dispersi. Secondo fonti locali, l’esplosione più forte, sarebbe stata generata da un incendio scoppiato in un deposito con 2750 tonnellate di nitrato di ammonio poste sotto sequestro. Secondo le prime notizie, nell’esplosione è stato ferito anche un militare italiano, che non sarebbe grave. Il Primo Ministro Hassan Diab: “I responsabili dell’episodio pagheranno”. Il Ministro della Salute, Hasan, ha invitato la popolazione a lasciare la città:  “Sono pericolosi i gas diffusi dalle deflagrazioni”. L’ Ambasciata americana ai connazionali: “Restate a casa”. Il numero delle persone coinvolte nell’episodio risulta ancora provvisorio. 
In seguito alle esplosioni che hanno devastato la città di Beirut e alla conseguente mobilitazione della comunità internazionale per inviare al più presto aiuti umanitari, il Ministro della Difesa Lorenzo Guerini ha immediatamente messo a disposizione della Protezione Civile, per il tramite del Comando Operativo di Vertice Interforze dello Stato Maggiore Difesa, due velivoli C-130J dell’Aeronautica Militare. I velivoli, appartenenti alla 46ª Brigata Aerea di Pisa, decolleranno nelle prossime ore, come da ordine del Comando delle Operazioni Aerospaziali di Poggio Renatico, con a bordo un team composto da Vigili del Fuoco e personale dell’Esercito Italiano specializzato ad operare in contesti caratterizzati da minaccia CBRN (Chimica, Batteriologica, Radiologica e Nucleare). Una seconda missione è prevista per domani, dedicata al trasporto di materiale umanitario e medico. Il 7° Reggimento Difesa CBRN “Cremona” è il reparto dell’Esercito deputato ad assolvere compiti in materia di difesa specialistica CBRN (Chimica, Batteriologica, Radiologica, Nucleare). Sul territorio nazionale, così come in tutti i teatri operativi in cui sono impiegate le Forze Armate italiane, assetti specialistici del 7° garantiscono le attività peculiari di rivelazione, identificazione, campionamento e decontaminazione. Il C-130J, in dotazione alla 46ª Brigata Aerea di Pisa, è un velivolo da trasporto di personale, materiali e mezzi, spesso utilizzato anche in attività di supporto a favore della collettività, come nel caso di trasporti sanitari d'urgenza, di pazienti in imminente pericolo di vita, che richiedono l'imbarco di una ambulanza o in bio-contenimento. Questi velivoli sono stati utilizzati recentemente anche per il trasporto di materiale sanitario in tutto il Paese, nonché per il trasporto di aiuti umanitari in Paesi colpiti da calamità, come ad esempio nel caso dell’Ucraina, a seguito dell’alluvione di giugno, per citare solo il caso più recente.
 
di Domenico Pio Abiuso
 
 
 

Coronavirus, il contributo delle forze armate

Valutazione attuale:  / 0
Il Ministero della Difesa è stato impegnato fin dall’inizio dell'emergenza Coronavirus. Le Forze Armate hanno messo a disposizione tutte le risorse e le capacità disponibili per supportare i cittadini e il Sistema Paese nella gestione di questa grave crisi. In occasione del rientro dei connazionali dalla Cina hanno offerto la capacità di trasporto in bio-contenimento e le strutture militari per il periodo di osservazione. Successivamente è stata allestita una Sala Operativa presso il Comando Operativo di vertice Interforze per coordinare le attività a favore dei cittadini per l'emergenza Coronavirus: supporto agli Ospedali civili di Lodi, Bergamo, Milano e Novara, oltre che all'istituto penale di Parma e alla Casa di Cura di Macerata, con l’invio di medici e infermieri militari di Esercito, Marina Militare, Aeronautica Militare e Carabinieri; allestimento di due ospedali da campo a Piacenza e a Crema e predisposizione di strutture sanitarie militare per accogliere i pazienti affetti da Coronavirus;
 voli sanitari di emergenza e in bio-contenimento; supporto alle Forze dell’Ordine in attività di Pubblica Sicurezza.
 
fonte Stato Maggiore della Difesa
 

Operazione IRINI per imporre l’embargo di armi in Libia

Valutazione attuale:  / 0
L'Unione E uropea sta intensificando gli sforzi per imporre l'embargo sulle armi dell'ONU in Libia, contribuendo in tal modo al processo di pace nel paese, attraverso l'avvio di una nuova operazione militare di PSDC (Politica di Sicurezza e Difesa Comune) nel Mediterraneo. ll Consiglio ha adottato oggi una decisione che avvia l'Operazione EUNAVFOR MED IRINI. 
IRINI, (in greco "pace"), avrà come compito principale l'attuazione dell'embargo delle Nazioni Unite sulle armi attraverso l'uso di assetti aerei, satellitari e marittimi. In particolare, la missione sarà in grado di ispezionare le navi in alto mare, al largo delle coste libiche, sospettate di trasportare armi o materiale correlato da e verso la Libia conformemente alla Risoluzione n° 2292 (2016) del Consiglio di Sicurezza delle Nazioni Unite. Come compiti secondari, EUNAVFOR MED IRINI inoltre dovrà: monitorare e raccogliere informazioni sulle esportazioni illecite dalla Libia di petrolio greggio e prodotti petroliferi raffinati; contribuire al potenziamento delle capacità e alla formazione della Guardia Costiera e della Marina Militare libica nelle attività di contrasto in mare; contribuire alla disarticolazione del modello di business delle reti di contrabbando e traffico di esseri umani attraverso la raccolta di informazioni e il pattugliamento con mezzi  aerei. IRINI sarà guidata dall’Ammiraglio Fabio Agostini come Comandante dell'Operazione dell'UE e il suo Quartier Generale sarà situato a Roma, in Italia. Il mandato dell'operazione IRINI durerà inizialmente fino al 31 marzo 2021 e sarà sotto stretto controllo degli Stati Membri dell'UE, che eserciteranno il controllo politico e la direzione strategica attraverso il Comitato Politico e di Sicurezza (COPS), sotto la responsabilità del Consiglio e dell'Alto Rappresentante dell'Unione per gli Affari Esteri e la Politica di Sicurezza.

Emergenza terremoto in Albania: le forze armate italiane a sostegno della popolazione

Valutazione attuale:  / 0
In seguito alla forte scossa di terremoto verificatasi questa notte a Durazzo, la Difesa, rispondendo alle richieste della Presidenza del Consiglio dei Ministri, ha immediatamente messo a disposizione assetti delle Forze Armate: n. 12 mezzi ruotati per trasporto persone con circa 25 unità e un elicottero CH-47dell’Esercito, un aereo C-130, un velivolo P180 e un elicottero UH139 dell’Aeronautica Militare per il trasporto in Albania di assetti della Protezione Civile e dei Vigili del Fuoco. Anche la Marina Militare ha predisposto un’unita navale ed un elicottero da impiegare a supporto delle attività. Le Forze Armate con le loro specificità sono in grado di operare prontamente in ambito nazionale ed internazionale, in sinergia con gli altri Dicasteri e Organizzazioni del “Sistema Paese”, in caso di pubbliche calamità e in casi di straordinaria necessità ed urgenza in favore della popolazione.
 
fonte Stato Maggiore della Difesa

Iraq, militari italiani coinvolti nell'esplosione di un I.E.D.

Valutazione attuale:  / 0
Ieri un ordigno esplosivo artigianale è detonato al passaggio di un team misto di Forze Speciali italiane in Iraq. Il team stava svolgendo attività di mentoring and training a beneficio delle Forze di Sicurezza irachene impegnate nella lotta al Daesh. I cinque militari coinvolti dall’esplosione sono stati prontamente soccorsi, evacuati con elicotteri USA facenti parte della coalizione e trasportati in un ospedale Role 3 dove stanno ricevendo le cure del caso. Tre dei cinque militari versano in condizioni gravi ma non sarebbero in pericolo di vita. Le famiglie dei militari sono state informate.
 
fonte Stato Maggiore della Difesa

Somalia, un'esplosione coinvolge convoglio italiano

Valutazione attuale:  / 0
Nella tarda mattina di oggi, due VTLM Lince, appartenenti ad un convoglio di 3 mezzi italiani, sono stati coinvolti in un’esplosione al rientro da un’attività addestrativa a favore della Forze di sicurezza somale. Al momento non si registrano conseguenze per il personale italiano.  Le cause dell’esplosione sono in corso di accertamento. I militari italiani operano nell’ambito della missione europea in SOMALIA (EUTM), finalizzata al rafforzamento del Governo Federale di Transizione somalo (TFG), attraverso la consulenza militare a livello strategico alle istituzioni di difesa somale e l’addestramento militare. La missione militare dell’UE opera in stretta collaborazione e coordinamento con gli altri attori della comunità internazionale presenti nell’area d’operazione come le Nazioni Unite, l’African Union Mission in Somalia (AMISOM) e gli Stati Uniti d’America.
 
fonte Stato Maggiore della Difesa