Toro piange un'innocente vittima della guerra (seconda parte)

Valutazione attuale:  / 0
ScarsoOttimo 
Creato Lunedì, 14 Giugno 2021 14:35
Ultima modifica il Lunedì, 14 Giugno 2021 14:35
Pubblicato Lunedì, 14 Giugno 2021 14:35
Visite: 599

Intanto il fragore dello scoppio si era udito anche a Toro, tanto che mamma Pasqualina e la nuora Maria nel mentre si riscaldavano vicino al camino di casa in calata San Rocco, furono scosse dal rumore proveniente dalla canna fumaria. Non so come ma la notizia della tragedia si diffuse in paese immediatamente. Non potrò mai dimenticare la disperazione di mamma Pasqualina quando arrivò in C.da Ripitella. Dopo qualche ora il corpo di Mercurio venne adagiato sopra dei fasci di erba e cinto sul dorso di un asinello per il mesto ritorno verso Toro. Di li a poco il copioso flusso dei compaesani per rendere omaggio al  bambino. Infine, ricordo un episodio ancora molto vivo nella mia memoria: dopo qualche giorno mamma Pasqualina andò nella masseria per far mangiare le mucche ma non riusciva a trovare la chiave del locale dove era riposto il foraggio, ancora straziata dalla sofferenza invocò ad alta voce l’aiuto del figlio, ma assalita dal dolore cadde in un improvviso sonno durante il quale il piccolo Mercurio gli indicò il posto preciso dove cercare la chiave. Quando si svegliò subito cercò nel posto indicato, la chiave era esattamente lì. Precisamente un anno dopo il 29 marzo 1945 nacque il mio primogenito e primo nipote della famiglia Iacobucci, il suo nome fu Mercurio». Abbiamo   voluto   fortemente   rivivere   questa   dolorosa   vicenda,   affinché  il ricordo del piccolo Mercurio non si perda nell’oblio della memoria.

di Antonio Salvatore