Divinità o dittatore?

Valutazione attuale:  / 0
ScarsoOttimo 
Creato Lunedì, 11 Dicembre 2017 14:41
Ultima modifica il Lunedì, 11 Dicembre 2017 14:44
Pubblicato Lunedì, 11 Dicembre 2017 14:41
Visite: 1752

Nel secolo scorso, soprattutto nei paesi sottosviluppati, hanno preso potere personaggi folli e despotici, quasi tutti con gli stessi metodi, ad esempio attraverso il populismo. Un esempio che riportiamo è quello di François Duvalier anche detto “Papa Doc”, il quale capì che gli stregoni vudù avevano una grande influenza sulla popolazione poco istruita di Haiti. Di professione medico, Duvalier dopo essere stato in coma si presentò molto cambiato, con le sembianze di Baron Samedi, la divinità vudù, diffondendo il terrore tra i cittadini nei suoi confronti. Oltre al vudù, il suo potere si basava sulle scorribande dei «tonton macoutes», criminali assoldati dalla polizia politica per intimorire, torturare ed eliminare fisicamente gli avversari.  Inoltre, per affermare la sua leadership fece stampare molti manifesti che lo ritraevano insieme a Gesù Cristo con quest'ultimo che dichiarava “Io l’ho scelto”. La sua insistenza nel riferirsi al culto vudù avrebbe in seguito provocato le ire del Vaticano, sino alla scomunica del futuro dittatore, malgrado il Cattolicesimo fosse formalmente rimasta la religione di Stato ad Haiti. Papa Doc violò la costituzione, che non consentiva di ricoprire la carica di presidente per più di due mandati. Kennedy, presidente degli Stati Uniti nel 1962, fu ostile alla sua politica sospendendo gli aiuti per Haiti. Nel 1963 il presidente americano fu assassinato e gli aiuti ripristinati. La morte di JFK non fece che alimentare il terrore tra la gente, dato che il dittatore di Haiti dichiarò di aver  fatto un sortilegio vudù contro Kennedy, e che non era stata una coincidenza che l'assassinio fosse avvenuto il 22 novembre, poiché il 22 era il numero preferito di Duvalier, il giorno in cui era diventato per la prima volta Presidente. Papa Doc era ormai riuscito a convincere buona parte del suo popolo che chiunque ostacolasse i suoi voleri fosse destinato a morire. Infatti le sue vittime furono circa 30 000. 

di Alice Di Domenico