AW 129 a bordo di unità navali

Valutazione attuale:  / 0
ScarsoOttimo 
Creato Giovedì, 20 Dicembre 2012 16:09
Ultima modifica il Martedì, 10 Marzo 2015 13:18
Pubblicato Giovedì, 20 Dicembre 2012 16:09
Visite: 8476

L’Aw 129 e’ l’elicottero da combattimento dell’AVES, l’Aviazione dell’Esercito Italiano. E’ recentissima la notizia che a Viterbo, presso il Comando dell’AVES, e’ stato firmato tra l’Esercito e la Marina Militare un accordo che riguarda una futura capacità operativa degli AW 129 da bordo di Unità Navali della MMI. La firma del documento prevede la possibilita’ di abilitare istruttori di volo dell’Aviazione di Marina sugli AW 129, consentendo di abilitare gli equipaggi dell’Esercito a bordo di navi. Le firme sono state poste dal Comandante dell’Aviazione dell’Esercito, Generale di Corpo d’Armata Enzo Stefanini e dall’Ammiraglio di Divisione Paolo Treu, Comandante del 6° Reparto Aeromobili dello Stato Maggiore Marina e Comandante delle Forze Aeree della Marina Militare. Data la sua capacita’ operativa, si prevede che il Mangusta potra’ avere un ruolo importante nella copertura negli sbarchi. L’A 129 e’ stato il primo elicottero da combattimento europeo. Vola dal 1983 ed e’ entrato in servizio nel 1990. Nella prima versione si è subito dimostrato l’elicottero da combattimento con i piu’ elevati fattori di carico sul mercato (elevata differenza tra accelerazioni positive e negative). Successivamente è stato aggiornato, con un rotore pentapala, una robusta trasmissione, avionica potenziata (è l’unico elicottero con doppio sistema di visione notturna, ad intensificazione di luce e ad infrarossi), e con l’aggiunta del cannone M197 da 20mm a tre canne. Nel 2007 e’ stato ridenominato AW 129. La Turchia lo ha scelto nella versione International, con nuovi motori. Un altro famoso elicottero da combattimento anticarro imbarcato e’ il Cobra, in versione King Cobra o nella ulteriormente avanzata Cobra Venom AH-1Z, quest’ultima con produzione approvata nel febbraio 2011. La differenza col Mangusta è data dal fatto che si tratta di un modello aggiornato di una macchina più datata. Ad esempio si nota la presenza di pattini piuttosto che del robusto carrello dal Mangusta. Le compatte dimensioni rappresentano una caratteristica fondamentale per i velivoli da imbarcare, per questo i Cobra sono preferiti agli Apache nella fornitura ai Marines.



di Antonio Frate