Armi all'Uranio

Valutazione attuale:  / 0
ScarsoOttimo 
Creato Giovedì, 14 Aprile 2011 20:14
Ultima modifica il Mercoledì, 07 Novembre 2012 20:44
Pubblicato Giovedì, 14 Aprile 2011 20:14
Visite: 4143

 

L’uranio è un elemento che si trova in natura in rocce, acqua, suolo, aria. Dei tre isotopi che lo compongono, il principale è l’U238, oltre all’U235 e U234.
L'uranio impoverito (depleted uranium) è ottenuto come scarto del procedimento di arricchimento dell'uranio. L'uranio arricchito è utilizzato come combustibile nelle centrali nucleari e come detonante negli ordigni nucleari..
Il materiale risultante ha una minore attività specifica dell'uranio naturale. Il terzo isotopo naturale dell'uranio (U234), si concentra a sua volta nell'uranio arricchito e si disperde nell'uranio impoverito.
L'estrazione, a partire dall'uranio contenuto in minerali naturali o dal combustibile irradiato prodotto dalle centrali nucleari, avviene in diversi modi, ed il risultato finale è un prodotto in cui la percentuale di U235 è più bassa che nell’uranio naturale.
Da 12 kg di uranio naturale si ottengono all'incirca 1 kg di uranio arricchito e 11 kg di uranio impoverito.
Quasi tutto l'uranio impoverito è conservato in forma di esafluoruro di uranio (UF6), in cilindri tenuti all'aperto, per evitare il pericolo di accumulo di acido fluoridrico in caso di incidenti.
Gli USA possiedono grandi quantità di tale materiale, proveniente dalle centrali nucleari. Ma altri paesi lo possiedono, come la Russia, la Francia, il Regno Unito ed altre ancora.
L’uranio impoverito è un materiale estremamente denso e pesante (ben più del piombo), e si rivela utile in varie applicazioni: in campo medico, come schermatura dalle radiazioni, per l’esplorazione dei pozzi petroliferi, nell’industria aeronautica, come zavorra.
Inoltre si rivela utile in campo militare, nella realizzazione di proiettili e corazze.
Gli USA hanno utilizzato tale materiali dagli anni Sessanta in tali applicazioni.
Famoso è stato l’uso durante la Guerra del Golfo nei proiettili M829. Si tratta dei penetratori cinetici da 120mm sparati dai cannoni M256 (i Rheinmetal 120/44 tedeschi prodotti su licenza in USA). Si tratta del pezzo principale dei carri M1A1. Nel 1985 infatti, alla produzione dei carri M1 iniziali, dotati di cannone da 105 mm L7, si passò alla versione M1A1, equipaggiata con tale nuova arma. Il proiettile, una volta sparato con tutta la potenza del cannone da 120mm, perde subito l’involucro (sabot) ed il penetratore va a colpire il bersaglio (carro nemico). Tale penetratore ha un nocciolo che contiene, tra gli altri materiali, anche l’uranio impoverito. Nel 1986 tale materiale venne utilizzato anche in scudi installati sulle parti più esposte al fuoco nemico dei carri americani, per migliorarne la resistenza. L’efficacia di tali mezzi venne dimostrata nella Guerra del Golfo. I carri americani riuscivano a distruggere i Carri Leone di Babilonia (T 72) anche se nascosti dietro terrapieni, bucando anche quest’ultimi. Furono raggiunti nuovi record nella distanza di distruzione da carro a carro. Addirittura un carro americano riuscì a distruggere due carri iracheni, in fila, con un solo colpo. L’M829 si guadagnò il soprannome di Silver Bullet. L’uranio impoverito era comunque utilizzato anche sulle munizioni da 105mm, ma anche i penetratori cinetici dei cannoni dei carri britannici Challenger utilizzano tale materiali (nelle munizioni Charm 3), ed anch’essi si ritiene siano stati utilizzati nella Guerra del Golfo.
Altro importante utilizzo si ha nei proiettili da 30mm anticarro sparati dai cannoni Avenger degli aerei d’attacco A-10 Thunderbolt II e dai cannoni degli elicotteri Apache. L’utilizzo si è avuto, in tale caso, oltre che nella Guerra del Golfo anche in Kosovo. Va considerato che il volume di fuoco dei cannoni Avenger è assai elevato, e con esso, quindi, il materiale che viene immesso nell’ambiente.
Inoltre, a seguito dell’inchiesta dell’affondamento del sottomarino russo Kursk, si è sospettato che il sottomarino potrebbe essere stato colpito per errore da un siluro Mk 48, in dotazione agli Americani, dotato di testata all’uranio impoverito.
Il principale materiale che può sostituire l’uranio impoverito è il tungsteno, probabilmente più ecologico, ma anche più costoso e meno efficace. Comunque non tutti i paesi utilizzano l’uranio impoverito, soprattutto per scopi militari, per motivi ecologici. Secondi alcune fonti, gli USA diffidano a sostituirlo col tungsteno perché il loro principale fornitore sarebbe la Cina, un partner commerciale ritenuto poco affidabile.

 

 

di Antonio Frate