Embedded Agency >

Notizie

Leonardo presenta il C-27J NG

Negli anni '70 veniva presentato al pubblico l'ultimo capolavoro dell'Ing. Gabrielli, l'Aeritalia G 222. Tale velivolo da trasporto tattico stupiva per la sua capacità di decollo corto, e operatività su piste semipreparate. Da esso, definito in campo internazionale C 27 A, venne derivato il best seller C 27 J, adottato anche dall'USAF, e passati poi all'USCG e persino al SOCOM, e numerosi altri operatori internazionali, oltre che dalla AMI, Aeronautica Militare Italiana. Recentemente Leonardo si è assicurata un cliente di lancio per la versione migliorata del suo aereo da trasporto C-27J Spartan con la prima consegna prevista per il 2021. Il produttore italiano ha annunciato l'11 novembre che il test finale del C-27J Next Generation (NG) era nelle sue fasi finali prima di questo traguardo pianificato. L'azienda, tuttavia non ha rivelato chi potrebbe essere il cliente.Una delle principali caratteristiche visibili del C-27J NG è l'aggiunta di estremità alari, le wingslet, progettate per contribuiscono a migliorare le prestazioni di salita e ad aumentare il MTOW fino a 1.000 kg. L'Auxiliary Power Unit (APU) fornisce una fonte di alimentazione indipendente, utilizzabile per riavviare i motori in volo o per rendere l’aereo autonomo nel caso la missione preveda ri-schieramento su aeroporti non attrezzati. La notizia della vendita arriva circa due anni dopo che Leonardo ha rivelato per la prima volta di aver pilotato una versione migliorata dello Spartan. Nel dicembre 2018 Leonardo ha notato che l'aereo era stato aggiornato per soddisfare i requisiti di gestione del traffico aereo globale, essendo dotato di nuova avionica, sistemi di navigazione, illuminazione e altre apparecchiature. Nel suo ultimo annuncio Leonardo ha aggiunto che la configurazione NG include nuovi display della cabina di pilotaggio, radar meteorologici, navigazione moderna e apparecchiature di comunicazione, oltre a "caratteristiche aerodinamiche avanzate". Sebbene non specificato dalla società, le immagini del C-27J NG mostrano queste caratteristiche aerodinamiche per includere le alette mentre potrebbero essere inclusi anche palette, strakes e altri elementi progettati per aumentare l'efficienza del carburante e di conseguenza il carico / autonomia / resistenza. Grazie a numerosi kit e sistemi di missione roll-on/roll-off facilmente installabili e trasportabili, il C-27J può in breve essere configurato e ri-configurato per una vasta gamma di capacità operative, dal trasposto tattico al pattugliamento marittimo, evolvendo anche come piattaforma ASW o C3ISR. Realizzata anche una versione d'attacco al suolo, il Pretorian, dotata di cannoni ATK 44 da 30mm, numerosi ordigni e missili come gli AGM-176 Griffi, valida alternativa all'AC 130 (se si pensa che il velivolo ha costi inferiori in tutto ed è ben più manovrabile e compatto), ed una da pattugliamento marittimo dotata di missili antinave MBDA MARTE ER per le missioni ASuW (anti-surface warfare) e di due siluri leggeri MU90 per la guerra anti-som (ASW). Lo Spartan standard ha un carico utile di 11.600 kg e un'autonomia di 5.685 km. La caratteristica forse più preminente del velivolo è la sua robusta pavimentazione regolabile che lo differenzia in meglio dalla concorrenza. Attualmente è in servizio con 87 velivoli già ordinati da 16 operatori nei 5 continenti e si prevede che con il lancio della nuova versione la sua vita commerciale e operativa sarà ancora lunga.

di Antonio Frate