Panavia Tornado, quale destino?

Creato Domenica, 29 Marzo 2020 12:38
Ultima modifica il Martedì, 03 Novembre 2020 18:19
Pubblicato Domenica, 29 Marzo 2020 12:38
Scritto da Administrator
Visite: 5463
Il Panavia Tornado è un aereo molto ben conosciuto in Italia, per anni è stato il principale cacciabombardiere del nostro paese. Entrato in produzione negli anni Ottanta, è stato utilizzato frequentemente in numerosi conflitti, ad iniziare dall'Operazione Tempesta nel Deserto, in Iraq.
E' stato utilizzato dal Regno Unito ed è ancora in servizio in Germania, Italia e Arabia Saudita. Ecco quindi lo scenario che si sta delineando per tali velivoli.
 
- La visione più problematica del futuro del Tornado spetta alla Germania.
Il 19 Giugno 2018  si moltiplicavano voci sulla volontà della Germania di scegliere l’Eurofighter Typhoon in sostituzione dei suoi MRCA Tornado. Il Tornado è stato progettato per penetrare a bassissima quota e ad altissima velocità in modalità Terrain Following nel territorio nemico sovietico, eludendo i radar per poi colpire l’obiettivo con carico bellico (convenzionale e nucleare). Questo profilo di missione sta divenendo obsoleto nei nuovi scenari operativi e con l’evoluzione della tecnologia di difesa aerea. La flotta tedesca è composta ultimamente da 85 velivoli, sia IDS (Interdiction and Strike) che ECR (Electronic Combat/ Reconnaissance). Il Tornado è anche l’unico velivolo nella Luftwaffe qualificato al Nuclear Strike (con bombe statunitensi B-61). I continui tagli hanno enormemente ridotto le capacità operative della Luftwaffe. Ad oggi infatti, i velivoli operativi sono molti meno e difficilmente potrebbero partecipare ad una futura operazione in ambito Nato. Per l'ammodernamento del solo sistema di comunicazione sono richiesti milioni di euro, e non è chiaro se l’aggiornamento sia tecnicamente fattibile. Ciò significa che i 93 Tornado delle Forze Armate tedesche non potrebbero prendere parte alle future missioni della NATO. Il sistema di comunicazione criptato è obbligatorio in ogni missione internazionale dell’Alleanza e i Tornado tedeschi sono privi del sistema IFF (identification friend or foe), dispositivo automatico di riconoscimento amico-nemico. I velivoli dovrebbero essere radiati dal 2025 (o forse si prolungherà al 2030 o 2035) ed occorre trovare un sostituto.  Il Bundeswehr utilizza oggi 130 Eurofighter Typhoon, incrementando il numero di macchine si potrebbero tranquillamente integrare le capacità del Tornado e sostituirlo. Utilizzando lo stesso tipo di velivolo si otterrebbe, una considerevole riduzione del costo per ora di volo, con le economie di scala. Sicuramente occorrerà operare sul sistema propulsivo, FADEC (Full Authority Digital Engine Control) e rivedere il sistema radar, optando per il CAPTOR-E ed aggiornare gli altri sistemi per garantire la completa compatibilità. C'è però un problema non di poco conto: l'Eurofighter non è certificato come striker nucleare. E sebbene tecnicamente tale certificazione si può raggiungere, sorgono enormi difficoltà burocratico-politiche. Le bombe B61 per la Luftwaffe sono americane e gli USA possono utilizzare il diniego alla certificazione come strumento per imporre l'adozione di velivoli americani. Ci sarebbero poi dei tempi tecnici di alcuni anni (da 3 a 5, secondo il Pentagono), e costi. In ogni caso per la certificazione i Typhoon dovrebbero essere sottoposti a ispezioni tecniche da parte dei tecnici Usa, che ne potrebbero carpire segreti tecnologici. Il generale Vincenzo Camporini, già capo di Stato maggiore della Difesa, aveva lanciato un'opzione: che l’Italia acquistasse con finanziamenti tedeschi uno squadrone di F-35, da assemblare a Cameri, per cederli in lease back gratuito alla Germania, che coprirebbe tutti i costi affidando all’Aeronautica italiana la logistica. La Luftwaffe avrebbe potuto sostituire i propri Tornado, mantenendo la capacità promessa alla Nato di caricare a bordo armamenti nucleari, senza ledere l’intesa con la Francia. Nella base di Amendola potrebbe dunque essere gestita la manutenzione per tutti e, per volontà tedesca, anche inserire un loro nucleo di specialisti. Tale opzione non è stata considerata, almeno per ora. L'ultima novità è che la Luftwaffe vuole acquistare fino a 90 Eurofighter, 30 Super Hornet F / A-18E / F e 15 Growler EA-18G per sostituire il resto della sua flotta di aerei da combattimento Tornado. La Germania prevede di utilizzare il Super Hornet, realizzato dall'americana Boeing, per soddisfare un requisito della NATO per schierare aerei da combattimento in grado di rilasciare la bomba nucleare B61. I Growlers possono sostituire i Tornado che svolgono un ruolo di attacco elettronico. Tuttavia, solo l' F / A-18 Legacy, non il Super Hornet, è mai stato certificato per portare la B61. Ciò significa che il Super Hornet dovrà passare attraverso il processo di certificazione.  Il portavoce della Boeing Justin Gibbons ha assicurato che la società ha il supporto del governo degli Stati Uniti per l'integrazione futura. Nel 2017, il tenente generale Karl Muellner, allora capo dell'aeronautica tedesca, espresse una preferenza per l'F-35 di Lockheed Martin, ma in seguito fu licenziato per il suo schietto sostegno al jet americano e la Germania mise ufficialmente fuori l'F-35 della competizione dell'anno scorso. Ciò ha lasciato la corsa all'Eurofighter Typhoon o al Super Hornet F / A-18E / F di Boeing.  Tuttavia né Eurofighter né Super Hornet sono un sistema di attacco credibile per la B61 contro obiettivi russi a causa della vulnerabilità di entrambe le piattaforme alle moderne difese aeree russe. Anche l'F-35 non è ancora in grado di trasportare la B61, ma l'integrazione del caccia di attacco con la bomba è prevista come parte della fase di modernizzazione del Block 4 in corso del jet.  "Se si considera che il ruolo DCA [doppia capacità del velivolo] richieda l'effettiva credibilità operativa dalla Germania, l'unica scelta possibile è l'F-35A. Di tutti i potenziali aeromobili offerti, l'F-35A è l'unico che rappresenta una soluzione di rilascio B61 Mod 12 operativamente credibile.  I costi per prolungare la vita operativa dei Tornado tedeschi in luogo degli F 35 ammontano a quasi 9 miliardi di euro. In ambito parlamentare tale contestazione è partita dal Partito Liberale Democratico, critico nei confronti della scelta di escludere gli F-35. Come nota la Reuters, il ministero della Difesa non ha fornito dettagli sui costi che riguarderanno l’operatività dei Tornado fino al 2035, sebbene ci fosse stato su questo una specifica richiesta dei legislatori. Secondo alcune fonti del parlamento, raggiungerebbe circa 100 milioni di euro per velivolo, molto di più rispetto al costo per un F-35A, pari a 89 milioni di dollari, circa 80 milioni in euro, nell’ultimo lotto di produzione siglato da Lockheed Martin e Pentagono. Detto ciò non va però dimenticato che l'F 35 ha avuto notevoli ritardi e problemi tecnici, un abbandono considerevole (Turchia), dettato da vicende politiche, ed sorgono altre questioni di non poco conto, come l'attuale rivisitazione dei programmi delle portaerei americane (e non solo), e dell'ultimo documento programmatico dello US Marine Corp, tutti indirizzati verso una riduzione dell'uso di velivoli pilotati (quindi F 35). Di recente è stato comunicato che il contestato e costoso sistema ALIS di gestione della logistica del velivolo, verrà eliminato lasciando spazio a nuove tecnologie come l'I-Cloud. Attualmente il Ministero della Difesa tedesco ha reso noto che il parlamento ha approvato lo stanziamento di altri 500 milioni di euro per il bilancio del Bundeswehr (forze armate), dei quali oltre 300 milioni sono assegnati alla Luftwaffe. Sono stati approvati circa 240 milioni di euro per la digitalizzazione dei display head-up (HUD) e il rinnovo del computer di bordo dei velivoli Tornado, per restare in linea oltre il 2030. Chissà, forse ritengono di potersi procurare gli F 35 in futuro a costi più bassi di oggi, o di non doverne aver affatto più bisogno in futuro.
- La RAF sostituisce nel 2019 gli ultimi Tornado con Typhoon e Protector.
Il 9° Squadron è stato dotato di aerei da combattimento multiruolo Eurofighter Typhoon e 31° Squadron di velivoli teleguidati General Atomics MQ-9B Protector, versione per la RAF britannica dello SkyGuardian, a sua volta evoluzione dell’MQ9 Reaper. I circa 40 ultimi velivoli Tornado sono stati radiati ed i Typhoon che equipaggiano il 9° Squadron come il 12°, basati a Coningsby, sono quelli della Tranche 1 di cui era prevista la radiazione o la vendita ma che sono stati invece “risparmiati” dalla Strategic Defense and Security Review (SDSR) nel 2015. I Typhoon Tranche 1 verranno impiegati solo come caccia per operazioni aria-aria mentre le versioni più recenti dell’Eurofighter, Tranche 2 e Tranche 3, vengono utilizzati come multiruolo. La RAF ha ormai ricevuto i Typhoon ammodernati in base al Progetto Centurion con l’integrazione di bombe Paveway IV, missili Brimstone e Meteor e missili cruiser Storm Shadow, finora imbarcabili solo sui Tornado. La RAF utilizza 51 Typhoon Tranche 1, 67 Tranche 2 e di una decina Tranche 3, dei previsti 40.
- In Italia è stato chiuso il 50° stormo di Piacenza e tutti i Tornado sono stati spostati al 6° Stormo di Ghedi,  rimasto l’unico reparto di volo italiano ad essere equipaggiato con i velivoli Tornado sia IDS che IT- ECR;  inoltre sulla base bresciana sono stati trasferiti i velivoli ECR e il 155° Gruppo Volo “Le Pantere Nere”. Gli F-35 rimpiazzeranno tutti i Tornado italiani. LA «Dead Line» del 2025 è stata fissata dall’ultimo Documento programmatico pluriennale del Ministero della Difesa, considerando i ritardi del programma F35. Il Tornado dovrà sottoporsi a due programmi di aggiornamento. Il primo relativo all'ammodernamento strutturale, tecnologico ed operativo di “mezza vita” dei velivoli ed al mantenimento delle condizione operative. C’è poi un secondo programma che il documento della Difesa definisce di «Capacità aerea non convenzionale».
-I Tornado sauditi saranno in servizio fino al 2025 grazie alla RAF.
Riad ha acquistato in due tranche 120 Tornado inclusi 24 caccia della versione ADV.  Il ritiro degli ultimi Tornado GR.4 britannici consentirà a Riad di accedere a un ampio magazzino di pezzi di ricambio e probabilmente anche agli ultimi velivoli della RAF. Il Ministero della Difesa britannico sembra puntare a trasferire personale della RAF (o ex RAF) in Arabia Saudita per supportare le forze aeree del Paese arabo nel supporto logistico alla linea di Tornado. Londra ha fornito recentemente ampio appoggio alle Reali Forze Aeree Saudite anche nel conflitto in Yemen trasferendo a Riad moltissimi ordigni guidati Paveway per rifornire i depositi svuotati nel corso dei raid contro gli insorti sciti Houthi.
 
di Antonio Frate