Pensionamento per il Prowler, era stato l'aereo della strage del Cermis

Creato Venerdì, 08 Marzo 2019 20:32
Ultima modifica il Venerdì, 08 Marzo 2019 20:42
Pubblicato Venerdì, 08 Marzo 2019 20:32
Scritto da Administrator
Visite: 2511
Il 9 marzo in una cerimonia a Cherry Point si celebrerà il pensionamento dell'EA 6B Prowler. Tale velivolo, in forza allo USMC e US Navy, rimarrà tristemente famoso in Italia in quanto fu proprio uno di questi velivoli che impattò contro il cavo della funivia del Cermis, nelle Alpi, il 3 febbraio 1998, provocando la caduta di una cabina e la morte di 19 persone, di varia nazionalità, tra turisti passeggeri e il manovratore. Furono sottoposti a processo 4 militari dello US Marine Corp e la giustizia militare americana prosciolse il capitano Richard J. Ashby, pilota dell'aereo e il suo navigatore, dalle accuse di omicidio involontario e per negligenza (secondo l'ordinamento statunitense). In seguito furono riconosciuti colpevoli di ostruzione alla giustizia e condotta inadatta a un ufficiale per aver distrutto il nastro video registrato sull'aereo. Il velivolo, in servizio sin dai tempi del Vietnam, ha ricoperto l'importante ruolo di disturbatore elettronico, (EW, Electronic Warfare), la missione del Prowler è sempre stata quella di respingere, degradare e distruggere l'uso dello spettro elettromagnetico da parte del nemico. Tale funzione verrà in futuro svolta da diversi velivoli. Sebbene gli Stati Uniti tramite Marine Corps e Navy abbiano gradualmente messo fuori servizio il Prowler dal 2009, il suo graduale ritiro ha visto il carico di lavoro più pesante che mai. Quando il presunto Stato Islamico devastò l'Iraq nel 2014, gli EA-6B del VMAQ-2 e VMAQ-3 "Moon Dogs" volarono da Al Udeid e VAQ-134 "Garudas" a bordo della portaerei USS George H.W, che fu tra le prime unità a rispondere all'emergenza. Oltre alle missioni in corso sull'Iraq, i Prowlers sono volati in Siria per l'operazione Inherent Resolve. Nonostante la loro età, gli EA-6B sono stati importanti nella guerra aerea contro Daesh: hanno captato segnali radio "nemici" e hanno bloccato quelle frequenze per impedire ai terroristi di comunicare tra loro alla radio o al cellulare, o utilizzare trasmettitori portatili per attivare gli IED (Improvised Explosive Devices). Sebbene la Marina fosse il suo più grande operatore, il Prowler, nacque dalla necessità dei Marines di un aereo EW dedicato. Basato sulla struttura preesistente dell'Intruder A-6, Grumman (che si unì a Northrop nel 1994) sviluppò l'Intruder elettronico EA-6A negli anni '60 come soluzione temporanea fino a quando l'EA-6B entrò in servizio. Inoltre la Marina l'ha scelto per rimpiazzare anche i suoi vecchi EKA-3B Skywarrior EW. Il Prowler fece il suo debutto in Marina nel 1971 e svolse missioni sul Vietnam, mentre i Marines cambiarono gli EA-6A biposto con l'EA-6B a quattro posti nello stesso decennio. Da allora ha partecipato a tutte le principali operazioni militari statunitensi all'estero.  170 aeromobili furono prodotti fino al 1991. Per oltre quarant'anni, il Prowler è stato "in prima linea nella guerra militare elettronica che consente missioni di combattimento aereo di alto profilo". La missione principale del velivolo era di sostenere gli attacchi di attacco di terra distruggendo l'attività elettromagnetica del nemico e, come missione secondaria, di raccogliere l'intelligenza elettronica tattica all'interno di una zona di combattimento e, se necessario, attaccando i siti radar nemici con missili HARM. Il Prowler era quasi sei piedi più lungo e 5.000 libbre più pesante dell'Intruder. Era spinto da due motori turbojet Pratt & Whitney J52-P408A, (a differenza di altri velivoli della sua categoria dotati di turbofan) che gli consentivano di volare a velocità subsoniche fino a 566 nodi. Nel corso dei decenni i Prowlers sono stati regolarmente aggiornati attraverso programmi denominati Expanded Capability (EXCAP) e Improved Capability (ICAP). La modifica più consequenziale fu forse la capacità di sparare i missili anti-radiazioni ad alta velocità AGM-88 (HARM), che fu introdotta nel 1986 nella variante ICAP II Block 86. Ciò ha trasformato l'EA-6B in una piattaforma di soppressione della difesa aerea nemica (SEAD), una capacità che la sua controparte dell'aeronautica, il generale Dynamics EF-111A Raven, non ha mai posseduto. La variante finale di Prowler in servizio era l'ICAP III, introdotta nel 2005. Disponeva del ricevitore AN / ALQ-218 installato nell'aereo, visibile per il rigonfiamento in cima alla coda, e operante in combinazione con i jammer AN / ALQ -99 trasportati sotto la fusoliera e le ali. L'ICAP III aveva anche il jammer di comunicazioni AN / USQ-113 (V) 4 e poteva raccogliere l'intelligenza elettronica (ELINT), come con le varianti precedenti. I cinque punti d'attacco del Prowler consentivano di trasportare fino a quattro HARM o cinque ALQ-99. Di solito, tuttavia, un Prowler portava fino a due HARM per consentire almeno il trasporto di almeno due jamming pods e carburante in un serbatoio esterno. La versione Marine ICAP III ha ricevuto il pod di targeting AN / AAQ-28 (V) 4 LITENING; questo era usato principalmente per l'intelligence, la ricognizione e la sorveglianza, dal momento che l'EA-6B non portava altri ordigni oltre agli HARM. L'equipaggio della EA-6B era composto da un pilota e quattro Electronic Countermeasures Officers (ECMO); durante l'attacco, un ECMO era spesso comandante di missione. A seconda della missione, un Prowler a volte volava con due ECMO. Il ritiro dell'EF-111 dell'Aeronautica Militare ha lasciato il Prowler l'unico velivolo tattico EW in tutto l'inventario degli Stati Uniti. Sebbene mai abbattuti in combattimento o non abbiano guadagnato la reputazione di "fabbrica di vedove", 51 Prowlers sono stati persi durante la vita di servizio, causando 48 morti. È stato anche coinvolto in alcuni incidenti di alto profilo nel corso degli anni. La notte del 25 maggio 1981, un EA-6B del VMAQ-2, per coincidenza, atterrò a bordo della USS Nimitz troppo a destra rispetto alla linea centrale della cabina di pilotaggio e si schiantò contro una fila di aerei parcheggiati, provocando una grande esplosione. In uno dei peggiori disastri della storia, 14 membri dell'equipaggio sono stati uccisi e altri 45 feriti, insieme alla completa distruzione di interi piani e danni considerevoli agli altri. Oltre al citato incidente del Cermis, sempre nel 1998, la notte dell'8 novembre, un Navy EA-6B del VAQ-130 "Zappers" fu richiamato per atterrare sulla USS Enterprise mentre l'area di atterraggio era ancora occupata da un Lockheed S-3B Viking. Il Prowler fece un ultimo tentativo per sfuggire alla collisione, ma era troppo tardi: colpì l'S-3, provocando un'esplosione e un incendio. Miracolosamente, i due membri dell'equipaggio del Vicking sopravvissero, ma tutti e quattro i membri dell'equipaggio del Prowler perirono. A partire dal 2009 l'EA-6B è stato gradualmente rimpiazzato dal Boeing EA-18G Growler. Come il Prowler, l'EA-18G è stato adattato da una cellula esistente, il Super Hornet F / A-18E / F. Ma mentre l'EA-6B non ha conservato molte delle funzionalità dell'A-6, il Growler conserva molte delle caratteristiche del Super Hornet. Ad esempio, il Growler porta armi aria-aria, permettendogli di difendersi in combattimento. Il Prowler non aveva tale capacità ed era praticamente indifeso contro gli attacchi, richiedendo in tal modo una scorta, distogliendo F-14 e F / A-18 da altre missioni critiche. Il Growler è anche altamente automatizzato. Il ritiro del Prowler lascia il C-2A (R) Greyhound e l'E-2D Advanced Hawkeye come unici aeromobili da portaerei Grumman. Con quasi mezzo secolo di servizio da vantare, l'EA-6B supera in anzianità di servizio anche il leggendario F-14 Tomcat, altro prodotto Grumman, insieme al suo progenitore, l'A-6. In realtà, piuttosto che l'obsolescenza dei sensori EW (Electronic Warfare) a bordo, il problema principale che ha colpito la flotta dei Prowler è che non è un aereo facile su cui lavorare. Al giorno d'oggi, i componenti che devono essere sostituiti non sono facilmente reperibili come in passato. L’US Navy che ha ritirato i Prowler nel 2015 li rimpiazzerà con l'EA-18G GROWLER, versione per guerra elettronica e SEAD del SUPER HORNET. L'USMC invece utilizzerà tutte le piattaforme aeree del suo arsenale: F-35B e C, oltre a impianti  EW in pod dedicati e capaci di lavorare in network. Ad esempio, il sistema ALQ-231 INTREPID TIGER II (IT II), una famiglia di sistemi guerra elettronica, inizialmente nata per disturbare le comunicazioni avversarie, che si sta evolvendo per jammare in collaborazione con i radar, nella versione X. I pod INTREPID TIGER II, in differenti forme, sono già integrati sugli AV-8B HARRIER e F/A-18A-D e sugli elicotteri UH-1Y VENOM, con attività d'integrazione pianificate o in corso anche sugli AH-1Z VIPER, su MV-22B OSPREY e KC-130J, come parte del kit dei “tanker-cannoniera” HARVEST HAWK. Un payload IT II è in sviluppo anche per gli UAS MQ-21 INTEGRATOR e il futuro grande UAV a decollo e atterraggio verticale MUX avrà a sua volta un ruolo nella guerra elettronica. 
 
di Antonio Frate