Embedded Agency >

L'America saluta la Beretta M9, ma i nuovi vincitori riservano amare sorprese

Valutazione attuale:  / 0
ScarsoOttimo 

Lo scorso anno è stato annunciato il vincitore della gara per la fornitura di pistole per l'esercito americano: si tratta della Sig Sauer, col modello P 320, denominato in versione militare M17 MHS. Non saranno più marcate Beretta le pistole in dotazione ai soldati USA: la gara bandita dall’Us Army, per aggiornare l'inventario di armi da fianco vale 580 milioni di dollari. Sono state battute anche le altre finaliste, tutte aziende di gran fama, come Fn Herstal arrivata al confronto decisivo insieme alla Glock, seconda classificata, dopo il ritiro di Smith & Wesson e di altri concorrenti. La Beretta aveva prima annunciato la presentazione di una versione aggiornata del modello finora in dotazione ai militari d'oltreoceano, la nuova M9A3, ma questa è stata subito rifiutata. I vertici militari americani non hanno nemmeno aspettato l'Italia e il suo nuovo ultimo modello d'eccellenza, la Beretta APX Stryker, arma nata espressamente per eccellere nell'uso militare. In ogni caso la produzione di M9 durerà fino al 2018, con proroga già prevista fino al 2020. La fabbrica della Beretta USA è stata spostata, nel corso del 2016, dalla storica sede di Accokeek, nel Maryland, al nuovo stabilimento di Gallatin, nel Tennessee. Inoltre ci sono altri corpi americani che ancora sono riforniti dalla Beretta, come la Guardia Costiera, i Marines ed altri. Certo questa sconfitta pesa molto sull'azienda bresciana. Per fortuna un'altra arma di origine italiana è in servizio presso i militari americani, il Beretta M4 Super 90, fucile ad anima liscia (shotgun). La Beretta 92 fu presentata a metà degli anni Settanta, entrò in servizio con vari corpi militari in tutto il mondo (negli USA venne adottata dai Navy Seals inizialmente) e poi, prodotta in Maryland con nome di M9 accompagna i militari statunitensi dal 1985. E' stata prodotta in 4,5 milioni di esemplari. La Beretta M9 ha dimostrato una eccellente affidabilità. Secondo il manager Gabriele De Plano "Queste pistole hanno superato al cento per cento, senza problemi, i test relativi all'intercambiabilità completa delle componenti. Le stesse pistole hanno poi passato tutti i test individuali tra cui la verifica dello Headspace, della percussione, del peso dello scatto, del funzionamento, dell'acquisizione del bersaglio e della precisione." Ma stranamente, se quest'arma uscita sconfitta risulta molto affidabile, per la nuova Sig Sauer si sono già verificati dei problemi. Secondo la rivista Gunsweek numerosi siti di Youtube specializzati del settore hanno rivelato che la Sig Sauer P 320, in caso di caduta accidentale, faccia partire un colpo, con grave rischio per la sicurezza. Nell'estate scorsa il Dipartimento di Polizia di Dallas (Texas) ha ritirato per precauzione le armi di questo tipo in dotazione, mentre un agente di polizia del Connecticut ha annunciato azioni legali contro l'azienda per essersi ferito a causa della caduta accidentale della sua P320. Tale modello ha superato, supera e supererà tutti i test menzionati dall'azienda; è tuttavia altrettanto vero che tutti i test di cui in parola prevedono che la pistola cada con la volata verso il terreno (di canna) o con la canna parallela al terreno (di fianco). Secondo osservatori indipendenti se l'arma cade di dorso il problema in questione può manifestarsi, e può essere risolto con l'applicazione di una sicura al grilletto "tipo Glock", oggi usata dai principali produttori del settore (anche Beretta). A seguito delle pressioni l'azienda produttrice ha ammesso l'esistenza del problema e si è impegnata ad un programma gratuito di soluzione del difetto, programma che include un sistema alternativo che riduce il peso fisico del grilletto, della leva di scatto e del percussore, aggiungendo al contempo un disconnettore meccanico. Questo programma volontario non costerà poco a SIG Sauer: oltre a sostituire grilletto, controcane e percussore, la slitta e il fusto devono essere rilavorati per l'accoglimento delle nuove parti. Sono interessate le pistole di tutti i calibri e versioni, indipendentemente dal numero di serie, quindi più di 500.000 P320.

di Antonio Frate