Donna, risorsa fondamentale anche a livello militare

Valutazione attuale:  / 0
ScarsoOttimo 
Creato Venerdì, 09 Marzo 2018 13:18
Ultima modifica il Mercoledì, 18 Aprile 2018 10:06
Pubblicato Venerdì, 09 Marzo 2018 13:18
Visite: 3982

Nel corso dei secoli il genere femminile ha compiuto passi avanti nell’acquisizione di diritti/doveri all’interno della società.  La legge del 9 febbraio 1963 n. 66 “Ammissione della donna ai pubblici uffici ed alle professioni”, pur concedendo l’accesso alle donne ad incarichi all’interno della pubblica amministrazione, ha mantenuto qualche dubbio sull’arruolamento delle stesse nelle Forze Armate. L'approvazione della suddetta normativa, che permette l'ingresso delle donne nelle Forze Armate, ha risposto in modo concreto sia alle aspirazioni di emancipazione femminile sia alle esigenze delle Forze Armate di aumentare le loro unità e ad annoverare il cosiddetto gentil sesso tra le proprie fila. Secondo uno dei ultimi sondaggi di fine 2014, in Italia risultano in servizio nelle Forze Armate e nell’Arma dei Carabinieri 11.189 donne, tra le quali 1.290 ufficiali, 1.252 sottufficiali e 8.647 militari di truppa. Un apporto fondamentale, dato dalla “donna-soldato”, è quello di instaurare un rapporto confidenziale e “quasi amichevole” con la popolazione femminile presente negli stati islamici (Afghanistan, Iraq) dove le truppe delle Forze Armate sono presenti soprattutto per la risoluzione delle problematiche a livello igienico-sanitario. A partire dagli anni Settanta del secolo scorso, anche diversi eserciti occidentali hanno cominciato ad inserire le donne nel servizio militare attivo. Infatti, i paesi che permettono alle donne di ricoprire ruoli di combattimento attivo nelle Forze Armate di appartenenza, sono: Australia, Nuova Zelanda, Canada, Danimarca, Finlandia, Francia, Italia, Germania, Norvegia, Israele, Serbia, Stati Uniti d'America, Svezia e Svizzera. Con il trascorrere del tempo, si è avuto cambiamento radicale, non solo organizzativo e logistico, ma soprattutto sociale e culturale.

di Domenico Pio Abiuso