Embedded Agency >

Contatti

Nel mese di dicembre i leaders del Ministero della Difesa tedesco hanno preso le distanze dal capo dell'aeronautica, il generale Karl Muellner, il quale aveva espresso recentemente posizione favorevole all'introduzione nella Luftwaffe dell'F-35. Il Vice Ministro della Difesa Ralf Brauksiepe ha chiarito lunedì 11 dicembre che il governo considera l'Eurofighter come l'opzione "primaria" per sostituire la flotta di jet Tornado del paese nel 2025. L'F-15E, la F / A-18E / F e la F- 35 sono considerati solo come scelte "secondarie", ha scritto in una lettera. La missiva, riportata per la prima volta da Reuters e ottenuta indipendentemente da Defense News, giunge come risposta chiarificatrice; durante la “Fighter Conference” di Berlino Muellner, si era così espresso: "la Luftwaffe “ha bisogno di capacità di disturbo radar e di individuazione degli obiettivi a lungo raggio" requisiti “indispensabili come credibile deterrente per la difesa nazionale e nelle operazioni nella Nato”. Queste capacità possono essere trovate solo in un jet da combattimento di quinta generazione, secondo gli esperti militari attualmente solo l’F-35 Lightning II prodotto dalla statunitense Lockheed Martin soddisfa questi requisiti."Brauksiepe ha aggiunto che una revisione di tutte le opzioni degli aeromobili sarebbe effettuata in un "contesto olistico", un probabile cenno all'aspettativa che considerazioni politiche e sui costi potrebbero finire per sfruttare le capacità operative. La risposta di Brauksiepe è chiarificatrice rispetto a precedenti dichiarazioni di funzionari del ministero, spesso fatte privatamente, che si sono lasciate prendere dall'entusiasmo di Muellner per l'F-35 prodotto dalla Lockheed Martin. Resta da vedere esattamente quale influenza avrà l'Air Force in una decisione finale. I sostenitori ritengono che l'F-35 potrebbe rapidamente soddisfare i requisiti della Germania e rinsaldare i legami sulla difesa con gli Stati Uniti allo stesso tempo. Gli oppositori alla scelta dell'F-35 sostengono d'altro canto che l'avvento di tale velivolo in Germania potrebbe mettere in pericolo i piani franco-tedeschi per un piano completamente nuovo, annunciato a gran voce a luglio. I leader di entrambi i paesi ritengono che il progetto sia una parte importante della visione di una maggiore capacità militare dell'Unione europea. La lettera di Brauksiepe afferma che il governo tedesco è "fermamente determinato ad andare avanti" con la cooperazione Berlino-Parigi. "Le attività iniziali sono già iniziate." Nel frattempo, Franziska Brantner del Partito dei Verdi, la cui inchiesta del 4 dicembre ha suscitato la risposta scritta di Brauksiepe, in una dichiarazione rilasciata a Defense News ha detto che il governo dovrebbe assumere una posizione più forte contro l'idea dell'F-35. "Il ministero apparentemente non ha il suo personale di alto livello sotto controllo", ha detto. Invece di rimproverare chiaramente Muellner per portare avanti i piani in opposizione alla collaborazione franco-tedesca, ha detto, i funzionari hanno offerto solo una confutazione "morbida come la cera". La Brantner ha definito "scandaloso" che le copie della lettera di Brauksiepe, che lei ha detto che i funzionari del ministero avrebbero dovuto inviare solo al suo ufficio come parlamentare che poneva la domanda, sono state date alla stampa prima che lei avesse la possibilità di rivederla. La mossa, ha sostenuto, suggerisce che ci sono parti interessate dietro le quinte coinvolte che sono ansiose di "creare fatti" nella politica tedesca degli armamenti. L'attuale flotta di bombardieri tedeschi è costituita dai Tornado, jet risalenti agli anni della Guerra Fredda e che stanno rapidamente diventando obsoleti. Francia e Germania hanno concordato di studiare la costruzione di un nuovo jet da combattimento in seguito a una riunione del Consiglio di amministrazione del 13 luglio. L'accordo siglato quest'estate tra Francia e Germania annuncia l'intenzione di lavorare insieme per sviluppare un nuovo caccia da combattimento "europeo" avanzato. Anche se il piano definitivo è ancora in lavorazione, la decisione è sembrata essere racchiusa in una serie di considerazioni politiche ed economiche; il nuovo programma franco-tedesco ha la capacità di porre fine agli interessi tedeschi sull'F 35. Il nuovo velivolo dovrebbe essere basato sulla piattaforma del Rafale. L'accordo è emerso in un documento più ampio che i due paesi hanno pubblicato in seguito a una riunione congiunta del governo il 13 luglio 2017. Oltre al nuovo jet da combattimento, il white paper ha delineato la cooperazione franco-tedesca su un elicottero di attacco Tiger potenziato, missili aria-terra, droni, carri armati pesanti (il nuovo Leopard 3, primo carro di ultimissima generazione al mondo) e artiglieria, come riportato dalla Reuters. L'intero piano per aerei da caccia franco-tedeschi richiede una combinazione di aerei con e senza equipaggio per sostituire il francese Dassault Rafales e il tedesco Eurofighter Typhoon. I due paesi presenteranno una "roadmap" condivisa entro la metà del 2018, ma non c'è un periodo di tempo chiaro per quando il nuovo velivolo potrebbe o dovrebbe entrare in produzione o essere pronto per il combattimento. Entrambi i paesi hanno interesse a sviluppare i successori di questi velivoli. Sebbene siano tra i jet da combattimento più avanzati in servizio attivo in qualsiasi parte del mondo, i progetti di base di Rafale e Typhoon risalgono agli anni '80. Lo sviluppo di combattenti da allora si è sempre più focalizzato sull'aggiunta di caratteristiche a bassa osservabilità, come forme complesse furtive, per aggirare le difese aeree in costante miglioramento. Per Airbus il jet da combattimento di quinta generazione con capacità stealth ruotava intorno alla condivisione dei dati e al team con e senza equipaggio, modus operandi molto simile a quello americano che ruota intorno all'F-35. La componente combattente del sistema agirà come controllore per il veicolo aereo da combattimento senza equipaggio (UCAV) che trasporta armi e sensori aggiuntivi. Tutti questi velivoli sarebbero in grado di trasferire informazioni in avanti e indietro, oltre a trarre ulteriori informazioni da altre piattaforme collegate in rete, come aerei spia dedicati o velivoli da ricognizione senza pilota. Tutto ciò darebbe ai piloti una migliore consapevolezza situazionale e più opzioni per raggiungere i loro obiettivi, riducendo al contempo l'esposizione alle difese aeree nemiche. A seconda delle dimensioni e del numero di droni armati coinvolti, lo "sciame" di aerei può essere in grado di sopraffare le difese nemiche. Non è attualmente chiaro se il nuovo accordo franco-tedesco coinvolgerà o meno altri partner, come gli spagnoli. Tuttavia, i due paesi sarebbero probabilmente desiderosi di estendere il programma in Spagna e in altri paesi europei, in particolare i membri più piccoli della NATO, che sono alla ricerca di un nuovo aereo da combattimento ma non hanno ancora aderito al programma F-35. Questa cooperazione consente la condivisione degli oneri a livello di costi e di base industriale, che potrebbe ridurre i costi, pur rafforzando le economie nazionali. Per decenni, gli europei si sono uniti per formare consorzi per progettare e costruire aerei da combattimento - come la Jaguar SEPECAT, Dassault/Dornier Alpha Jet, Panavia Tornado ed Eurofighter Typhoon - proprio per questi motivi. Già all'inizio di dicembre Dirk Hoke, da circa 18 mesi Amministratore del colosso franco-tedesco Airbus Defence and Space, aveva rimarcato sulla realizzazione di un asse tra Parigi e Berlino per un sistema da combattimento aereo europeo di sesta generazione. In una dettagliata intervista al quotidiano francese Les Echos ha spiegato che il summit franco-tedesco dello scorso 13 luglio ha segnato una tappa senza precedenti nelle relazioni franco-tedesche (rimarcato dall’arrivo di Macron) nel settore della difesa e per cui la possibilità di sviluppare una cooperazione industriale per un nuovo sistema da combattimento (costituito da una piattaforma ad alta connettività e coadiuvata da droni) è una concreta possibilità. Il Ceo ha puntato il dito sulla eccessiva etereogeneità dei velivoli da combattimento europei, che considerando anche i velivoli più datati raggiunge il numero di 20 modelli.  Il prossimo caccia franco-tedesco si candida per la sostituzione di Tornado ed F-18 spagnoli entro il 2035, Eurofighter e Rafale dopo il 2045”. La questione più urgente riguarda la Germania, che deve sostituire i suoi caccia Tornado, vicini al limite della vita operativa. In merito alla dichiarazione del gen. Mueller, sull'apertura agli F 35, l'ha ritenuta lontana dalla programmazione politica tedesca.  Secondo il Ceo per sostituire i Tornado “esistono delle soluzioni alternative: l’Eurofighter ad esempio può essere certificato allo scopo. Questo permetterebbe di avere una soluzione europea e di evitare l’acquisto dell’F-35, di cui i partner europei non avranno mai la gestione”. Ed ha ritenuto opportuno cercare una soluzione per lo sviluppo associato del’aereo del futuro, che permetterà all’industria aeronautica europea di mantenere le sue competenze nella difesa. Senza questo programma con un orizzonte temporale al 2040, queste sono destinate a scomparire”.  Francia e la Germania, per il ceo, devono pertanto prendere la guida del progetto e invitare gli altri Paesi ad unirsi. Hoke ha parlato anche del drone europeo (Euro MALE). “La Germania a seguito di un arbitrato tra i due Paesi, si è vista assegnata la guida del progetto, mirato ad un sistema bimotore come vuole il Parlamento tedesco”. “Anche la Francia necessita di un sistema di sorveglianza analogo se non vorrà dipendere dagli americani. Sono sicuro che troveremo un buon compromesso”. Riguardo questo programma una decisione è attesa nel secondo trimestre 2018, mentre per la sesta generazione europea bisognerà aspettare giugno. “L’industria non può attendere ancora. C’è in gioco l’avvenire dell’autonomia strategica europea”. Per diminuire i costi di sviluppo dei programmi della difesa Hoke ha indicato un accelerazione digitale come strada percorribile. “Il settore della difesa è in ritardo sulla trasformazione digitale. Non è più pensabile definire programmi decennali con il rischio che non corrispondano alle crisi reali”.  Se a questo punto la Germania deciderà di non acquistare l'F 35, e considerando che un nuovo caccia avrà un tempo di sviluppo comunque lungo, si fa concreta la possibilità che acquisti una flotta di Typhoon, in versione d'attacco al suolo, per rimpiazzare a breve i Tornado. Tale soluzione renderà ancor più appetibile lo "Strike Typhoon" anche per altri paesi. In Italia si stanno già sollevando voci tra gli oppositori dell'F 35, sulla utilità di acquistare tale velivolo in luogo dell'F 35 A. Per quanto riguarda lo sviluppo del nuovo caccia europeo, ebbene la soluzione di aderire al programma può essere allettante, ma sarà bene che il nuovo Governo italiano si faccia bene i conti su quanto possa costare e che in caso di adesione si stipuli un contratto che non lasci spazio alle mega-speculazioni che i contratti di tal genere possano riservare. A tal riguardo si può citare la vicenda dell'elicottero Tigre, franco-tedesco, che a costi di sviluppo elevati ha aggiunto ben noti problemi, o dei problemi dell'A 400 M, su cui proprio Hoke ha dichiarato: “Stiamo negoziando con OCCAR un’ottimizzazione del programma e un nuovo calendario di consegne visto che le certificazioni richieste dai clienti iniziali non sono state ancora ottenute”. Al Typhoon sembra poi del tutto ovvio che l'Italia aggiunga alla sua flotta militare anche gli M 346 FA, considerando anche i rinnovati apprezzamenti in ambito militare degli aerei da supporto tattico.

di Antonio Frate