Fuoco a Las Vegas durante un festival country

Valutazione attuale:  / 0
ScarsoOttimo 
Creato Lunedì, 02 Ottobre 2017 13:46
Ultima modifica il Lunedì, 02 Ottobre 2017 19:11
Pubblicato Lunedì, 02 Ottobre 2017 13:46
Visite: 659
Erano le 22:30 quando il 64enne, Stephen Paddock, affacciato dal trentaduesimo piano del casinò-hotel di Mandalay Bay ha iniziato a sparare sulla folla che assisteva al concerto del cantante Jason Aldean. Il bilancio attuale è di 50 morti e 500 feriti ma la motivazione del gesto è ancora ignota. Dopo la strage l’assalitore si è ucciso nella stessa camera da cui ha sparato. L'analisi sul comportamento dell’uomo ha rivelato che si era preparato in modo scrupoloso. Probabilmente ha eseguito dei sopralluoghi in precedenza e si è portato dietro molte munizioni arrivando ad imitare tecniche terroristiche. Paddock aveva nella camera d'hotel almeno otto armi da fuoco, così come riportato dalla polizia. Non ci sono altri sospettati in zona ma si è alla ricerca della compagna dell'omicida, Marilou Danely. Dagli ultimi aggiornamenti una donna risulta in stato di fermo e la polizia presume che possa trattarsi proprio della ricercata. E’ la più grande strage negli USA addirittura per numero di feriti superiore anche a quella del night club di Orlando del 2016 dove furono uccise 50 persone e ferite 53. 
 
di Alice Di Domenico