Altre missioni

La difficoltà di operare in Libia

Valutazione attuale:  / 0
ScarsoOttimo 
Creato Mercoledì, 27 Settembre 2017 08:05
Ultima modifica il Mercoledì, 10 Gennaio 2018 18:50
Pubblicato Mercoledì, 27 Settembre 2017 08:05
Visite: 5366

Si è conclusa da poco la visita in Italia del generale Khalifa Haftar, uno degli uomini più influenti della Libia. Il capo dell’esercito libico ha incontrato il ministro della Difesa Roberta Pinotti e quello dell’Interno Marco Minniti. In entrambi i casi si è parlato della Libia e delle sue questioni più urgenti: immigrazione, interessi economici, in particolare la difesa militare delle strutture Eni a Mellitah, e della preparazione dell’esercito libico da parte degli italiani. La visita di Haftar ha destato molte critiche soprattutto da parte dei suoi oppositori politici in Libia. Il generale militava nelle fila di Gheddafi ed è accusato di pesanti crimini di guerra. Non è ben visto in patria anche se è protetto dalle Nazioni Unite, sicuramente non è un uomo nuovo per risollevare le sorti della Libia. Uno dei pochi che in questo momento potrebbe garantire la stabilità in Libia, pur essendo egli stesso largamente in disaccordo con il governo di Tobruk. Gli interessi italiani nell’area sono notevoli, non riguardano soltanto le risorse minerarie ma anche l’addestramento dei nuovi soldati. In una Libia dilaniata dalla guerra tra varie tribù e dove regna il caos è opportuno far qualcosa. La conclusione di accordi militari, economici risulta molto importante per il nostro paese, perché la Libia è il primo paese sull’altra sponda del Mediterraneo. Una politica seria che non offre solo speranze, ma concrete possibilità di pace e di lavoro arresta l’enorme flusso di migranti verso l’Europa. Tale obiettivo dovrebbe intraprenderlo tutta l’Unione Europea, dal momento che si lavora in maniera congiunta per il benessere dei cittadini. La lotta all’immigrazione clandestina deve essere nell’agenda di ogni primo ministro europeo. Non si pensi che il flusso sarà arginato soltanto dall’Italia in Libia. A tutte le cancellerie attende un duro lavoro, l’incontro con il leader libico Haftar aprirà la strada a nuove trattative tra Europa e Africa. Da oggi in poi la Libia non sarà più il ponte verso l’Europa gestito dagli scafisti, ma diventerà un simbolo contro l’oppressione dell’Isis nell’ Africa del nord e medio oriente. Anche se lo stato islamico resiste ancora sul territorio, con la cooperazione in primis dell’Italia, attraverso il nostro esercito, la Libia tornerà a essere un partner privilegiato per l’Europa. L’integrità dell’Ue passa attraverso la risoluzione delle controversie negli stati più vicini. È troppo facile ignorare, in questo modo non riusciremo mai a risolvere nulla. Sarà importante lavorare assiduamente per costruire qualcosa che resti nel tempo. Le soluzioni temporanee sono inutili, accrescono soltanto altri problemi che mai nessuno riuscirà a risolvere e peseranno indistintamente su tutti i cittadini.

di Daniele Altina