Una panoramica sul mercato delle pistole

Valutazione attuale:  / 0
ScarsoOttimo 
Creato Sabato, 30 Agosto 2014 09:42
Ultima modifica il Martedì, 10 Marzo 2015 14:37
Pubblicato Sabato, 30 Agosto 2014 09:42
Visite: 14740

La Beretta S.P.A., famosa azienda di Gardone Val Trompia (BS) produttrice di armi da fuoco portatili sin dal 1526, è la fornitrice delle pistole d'ordinanza della Forze Armate USA.  Ad oggi, oltre 600.000  pistole M9 (in calibro 9x19mm parabellum, versione americana e modificata del modello 92, entrata in produzione nel 1978), sono state consegnate alle forze armate e varie forze di polizia della prima potenza militare del mondo. La prima commessa risale al 1979, quando fu consegnato uno stock di pistole modello 92 al reparto d'assalto speciale "SEAL Team 6" della US Navy. Nel 1985 fu invece sottoscritto un contratto del valore di 75 milioni di dollari per la fornitura di 315.930 pistole M9 ai reparti dell'esercito, della marina, dell'aeronautica militare, del Corpo dei marines e della U.S. Coast Guard, in sostituzione della storica Colt M 1911A1 (1911 indica la data di entrata in servizio dell'arma). Nel 1987 fu avviata la produzione in serie delle pistole d'ordinanza nella nuova corporation con sede negli Usa (Maryland). All'epoca, con l'aggiudicazione del contratto, le aziende concorrenti promossero azioni legali per contestare il risultato della gara, ma le persero: fu confermato che la Beretta soddisfaceva tutti i requisiti richiesti dalle Forze Armate americane, meglio delle concorrenti. Alcuni militari americani lamentavano la diminuita potenza di fuoco della nuova arma, a causa del calibro minore (le 1911 utilizzano il .45 ACP), ma per l'uso della pistola d'ordinanza come arma difensiva, piuttosto che offensiva, tale fattore è meno rilevante, o addirittura utile ad evitare incidenti, come nel caso dei conflitti a fuoco in ambienti chiusi. Due anni più tardi, ulteriori 50.000 pistole 92FS vennero acquistate da parte della polizia federale e delle unità assegnate al pattugliamento e controllo delle frontiere. Altre 18.744 92FS furono consegnate nel 2002 alla U.S. Air Force, e tre anni più tardi Beretta Usa Corporation sottoscrisse 13 differenti contratti con il Pentagono, tra cui quelli per la fornitura di 60.000 pistole M9 per USAF, US Army e 3.500 pistole modello M9A1 e 140.000 special al Corpo dei marines. Nel settembre del 2007, U.S. Army e U.S. Navy ordinarono di 10.576 pistole 92FS. Nel febbraio 2009, Beretta Usa Corporation ricevette dal Pentagono una commessa di 450.000 pistole M9 e relative munizioni, per un valore complessivo di 220 milioni di dollari, "il maggiore contratto d'acquisto di pistole dalla fine della Seconda Guerra Mondiale", come fu rilevato dalla stampa statunitense. Era il periodo della nuova amministrazione Obama, alle prese con un riassetto epocale causato dalla crisi bancaria del 2007. Ventimila di tali armi furono poi trasferite dall' U.S. Army al ricostituito esercito iracheno. Nel settembre 2012 la Beretta ha ottenuto un nuovo, ulteriore contratto per rifornire l’Us Army per ulteriori 100.000 pistole M9. Le armi Beretta equipaggiano forze armate e di polizia di innumerevoli paesi in tutto il mondo. Italia: Polizia di stato, Carabinieri e Guardia di finanza sono armati con le 92SB; Francia: la Gendarmerie Nationale e l'Armée de l'Air hanno adottato invece il modello 92G (110.000 pistole consegnate dal 1987); Spagna:  la Guardia Civil ha sottoscritto nel 2002 un accordo con Beretta per la fornitura di 45.000 pistole 92FS; Turchia:  quarantamila pistole dello stesso genere consegnate alla polizia nazionale; Canada: nell'aprile del 2007, la holding italiana ha firmato un contratto per la fornitura alla polizia di frontiera canadese delle pistole semiautomatiche Px4 Storm, battendo la Sig Sauer P 226, arma in dotazione ai Navy Seal, scelta da questi ultimi per la sua elevata capacità di resistere alla corrosione negli ambienti salmastri (dopo il già citato acquisto delle Beretta). Va comunque ricordato che l'azienda italiana s'è impegnata per risolvere tale gap tecnico. La Px4 Storm è invece un modello di recente progettazione, che utilizza la tecnologia dei tecnopolimeri. Oltre alla Polizia canadese di frontiera (le famose Giacche rosse) è stata adottata da numerose polizie locali americane ed italiane.

SIG SAUER.  L'azienda svizzera si è aggiudicata un'altra grande commessa, quella della forze di Polizia francesi, col modello SP 2022, una versione modificata del SP 2009/2340. E' entrata in servizio con la polizia francese, dogane, amministrazione penitenziaria e Gendarmeria nel 2002 per una durata prevista di 20 anni, da cui il nome. L'arma, disponibile in 9x19mm, 40 S & W e 357 SIG, è dotata di una guida Picatinny integrata (piuttosto che di rotaia in uso ad altri modelli) e il grilletto anteriore ha forma differente. Inoltre può essere dotata di una canna filettata e soppressore staccabile e le mire fisse sono a coda di rondine. Sui modelli francesi campeggia la dizione "Propietè de l'Etat", pressofusa sul lato dell'arma.

GLOCK 17: Le truppe britanniche stanno gradualmente sostituendo le pistole Browning 9mm utilizzate dalle Forze Armate per più di 40 anni (dal 1967), con le Glock 17 Generation 4.
La Glock 17 Gen 4 è molto più leggera ed accurata dell'attuale pistola Browning. Essa ha anche una maggiore capacità del caricatore,  17 colpi 9mm rispetto ai 13 della Browning.  Il MoD ha firmato un contratto di 9mln di sterline per fornire alle Forze Armate più di 25.000 armi, incluse le fondine. La Glock 17 può essere utilizzata più rapidamente dell'arma americana che sostituisce, entro circa un secondo.  Per il MoD dopo ben più di quattro decenni in servizio, la pistola dal produttore americano Browning non era più l'arma ideale, iniziando a perdere di affidabilità, ed era diventata sempre più costosa da mantenere.  Dopo aver sperimentato sette armi diverse, si è arrivati alla Glock. Tra i primi a ottenere la nuova Glock saranno le truppe in servizio in Afghanistan, dove il nemico a volte può attaccare a distanza molto ravvicinata.  Le pistole sono ottimamente efficaci in un intervallo compreso tra 10 e 25 metri. La Glock ha tre fermi di sicurezza built-in, e può essere mantenuta a pieno carico con il colpo in canna anche quando è nella custodia. Fabbricata in Austria, è stata testata per circa 18 mesi, sparando migliaia di colpi in climi che variano da -40 ° C ad oltre 50 °C. La Glock 17 equipaggia eserciti e polizie in tanti paesi nel mondo.

CARACAL. Si tratta  (nome mutuato da una lince africana) della prima pistola semiautomatica interamente concepita e costruita negli Emirati Arabi Uniti. Costruita dalla Caracal International LLC di Abu Dhabi, è un progetto di Wilhelm Bubits,  ideatore assieme all'ingegner Gaston Glock, delle pistole austriache Glock. E delle Glock le Caracal impiegano molte delle soluzioni tecniche: scatto in "azione sicura" (una azione doppia con percussore parzialmente prearmato), percussore interno, uso di polimeri per la realizzazione del fusto. E' presente una slitta per il montaggio d'accessori integrata sotto il Dust Cover e un indicatore di colpo in canna presente sulla culatta, ad alta visibilità e rilevabile al tatto, simile all'analogo dispositivo presente sulla pistola tedesca Walther P99 o sull'austriaca Steyr Serie M-A1, pistola questa a sua volta progettata da Wilhelm Bubits e che riprende varie soluzioni tecniche Glock. Le Caracal sono dotate di uno sgancio del caricatore ambidestro (pulsante per il rilascio del caricatore sistemato su ambedue i lati) e dispositivo di Hold-Open (sgancio del carrello in apertura) sul lato sinistro. Non impiegano sicure manuali ma interne, in maniera analoga alle pistole Glock e Steyr M-A1. Il peso dello scatto delle Caracal si attesta sui 2,2 chili, con una corsa di 8 millimetri. Esistono due varianti della pistola Caracal: la F (Full-Size) con canna da 104 mm per una lunghezza totale di 178 mm, altezza di 135 mm, pessore di 28 mm e peso a vuoto di 750 grammi. I caricatori impiegati hanno una capacità variabile dai 16 ai 18 colpi a seconda del calibro. La C, compatta, ha canna da 90 mm per una lunghezza totale di 167 mm, altezza di 122 mm e peso a vuoto di 700 grammi, mentre lo spessore resta invariato rispetto alla Full-Size. E' adatta al porto occulto.  I caricatori impiegati hanno una capacità variabile dai 13 ai 15 colpi a seconda del calibro, che può essere 9 mm Parabellum, .40-Smith & Wesson, .357-SiG e 9 × 21 mm IMI, essendo il mercato italiano il primo sul quale la Caracal International LLC ha voluto puntare per la distribuzione commerciale.

 

di Antonio Frate