XM25

Valutazione attuale:  / 0
ScarsoOttimo 
Creato Lunedì, 11 Marzo 2013 20:06
Ultima modifica il Mercoledì, 10 Luglio 2013 11:24
Pubblicato Lunedì, 11 Marzo 2013 20:06
Visite: 1337

Il lanciatore automatico individuale XM25 (ISAAS), noto anche come Counter Defilade Target Engagement (CDTE) System, o anche come  Punisher, è un lanciagranate semi-automatico da 25 millimetri, con munizioni ad alto potenziale esplosivo (HEAB), capaci di esplodere a mezz'aria. Le dimensioni dell'arma sono: peso 12-12,5 libbre, (6.35 kg con caricatore e 5,45Kg scarico) e 29,5 pollici di lunghezza, e ha una capacità del caricatore di 4/6 colpi. Ogni arma è dotata di un sistema di acquisizione del bersaglio completamente automatico diurno/notturno ed è realizzato in materiali compositi leggeri. L'XM25 è stato progettato per aumentare la sopravvivenza del soldato ed ha grande versatilità. L'arma garantisce un incremento del 300-500% della probabilità di colpire obiettivi per sconfiggere bersagli, interdire aree e per il defilamento da circa 500 metri. L'XM25 include le rivoluzionarie munizioni HEAB e un sistema integrato, multifunzionale, ogni-tempo, per una completa soluzione di acquisizione del bersaglio e del sistema di controllo del fuoco. Questo sistema integrato include sensori termici, ottica diretta, telemetro laser, bussola, spoletta, processore balistico, e display interno. E' la prima arma portatile intelligente ad essere prodotta in serie.
L'XM25 è in grado di abbattere un nemico dietro un muro, all'interno di un edificio o in una trincea. Il proiettile in volo verso il bersaglio è controllato con precisione nella pressione barometrica, la temperatura e la velocità del proiettile da un chip elettronico in modo da esplodere al momento giusto per offrire la massima efficacia. L'arma trasmette automaticamente la distanza dal bersaglio alla granata. La distanza in cui scoppierà la granata verrà determinata dal numero di rotazioni a spirale che farà dopo essere stata sparata. L'XM25 è stato studiato per essere 5 volte più letale dell'M203 e ha fornito letalità ben oltre la capacità massima di tale vecchio lanciagranate, dando ai soldati un aumento del 300-500% di probabilità di successo, a seconda delle specifiche munizioni usate. L'XM25 ha una portata di 500 metri rispetto agli obiettivi di punto e 500-700 metri (o anche 1000, secondo alcune fonti) contro obiettivi di zona, ed è in grado di colpire obiettivi nascosti. E' ideale per il combattimento urbano: con la potenza di fuoco e precisione l'XM25, nelle mani di un soldato, consente di eliminare le minacce senza causare danni collaterali. L'arma è derivata dall' XM29, il cui sviluppo iniziò nel 2004, che avrebbe dovuto accelerare l'entrata in funzione del sottosistema XM25 in anticipo rispetto al sistema a doppia canna. Il programma era stato sospeso a causa della impossibilità di raggiungere gli obiettivi di peso, e successivamente diviso in due blocchi: l' OICW 1 (la carabina XM8 5,56 millimetri modulare, e il lanciatore XM25, oltre all' XM104, obiettivo di acquisizione / fuoco e sistema di controllo ( FA / FCS, noto anche come vista computerizzata'). E 'possibile che in il futuro l'XM8, XM25 e XM104 saranno di nuovo riuniti in unico sistema modulare. Vi è stato anche un cambiamento di munizioni usate per l' XM29, e, successivamente, per l' XM25. Originariamente, doveva essere usato un proiettile da 20 millimetri. Questo è stato cambiato nel 2004 per il  25x40mm. Lo sviluppo dell' XM25 massimizzerebbe la comunanza delle parti e permetterebbe di condividere le stesse risorse logistiche e la sostenibilità dell' XM29. Le aziende coinvolte nel programma sono: l'Alliant Techsystems di Plymouth, Minnesota; la Brashear L3 di Pittsburgh, in Pennsylvania, e l'Heckler e Koch, Gmbh di Oberdorf, Germania, che hanno lavorato in collaborazione al Project Manager Soldier per lo sviluppo dell' XM25.

I primi prototipi sono stati consegnati nell'aprile 2005. Nel settembre dello stesso anno è stato testato dall'Esercito USA nell'area Grafenwöhr. Nell'estate 2009 è stato testato in Iraq e Afghanistan.
Nel novembre 2010, l'esercito degli Stati Uniti ha programmato l'acquisto di più di 12.500 XM25 a partire dal 2012. A partire da maggio 2010, il programma è stato completamente finanziato e in fase di test e sviluppo con produzione prevista per il 2012. Le forze speciali avrebbero dovuto essere le prime unità ad utilizzarlo. Le richieste dall'Afghanistan per l'arma, tuttavia, hanno visto la distribuzione dei primi sistemi ad elementi della 101 ª Divisione Aviotrasportata  alla fine del 2010.

 

di Antonio Frate