Iveco VBA

Valutazione attuale:  / 0
ScarsoOttimo 
Creato Venerdì, 22 Febbraio 2013 16:29
Ultima modifica il Domenica, 22 Settembre 2013 21:15
Pubblicato Venerdì, 22 Febbraio 2013 16:29
Visite: 4777

Alla fine del 2012 è stato presentato e testato l’Iveco VBA, veicolo i cui prototipi sono conosciuti come Superav. La prova si è tenuta presso l’Ufficio Tecnico Territoriale Armamenti Terrestri di Nettuno. Il VBA è il veicolo che dovrà, secondo le previsioni attuali, andare ad equipaggiare le Forze di Proiezione del Mare (San Marco e Serenissima). Tali reparti sono ancora dotati di obsoleti AAV7, mezzi di progettazione americana ormai non all’altezza dei tempi. Per le esigenze odierne si presentano troppo ingombranti, con protezione scarsa, armamento limitato e lenti. Inoltre ad essi, per mancanza di mezzi adeguati, sono stati affiancati vecchi M113 che non hanno alcuna capacita’ anfibia, requisito indispensabile per le operazioni a cui vengono affidati. Il VBA aveva già dimostrato capacità convincenti quando era stato presentato all’Eurosatory 2010 e negli anni successivi. Il Consorzio CIO (formato da Iveco DV e Oto Melara) ha già finanziato con 20 mln lo sviluppo del veicolo, per ridurre i tempi. Il nuovo blindato, derivato dalla famiglia dei Centauro, presenta una lunghezza di 7,92 m, una larghezza di 2,72-3,00 m, un’altezza di 2,31 ed ha un peso a vuoto di 15 t, 24 in combattimento anfibio e 25 in combattimento terrestre. La versione presentata il 20 dicembre 2012 è equipaggiata con cannone da 30 mm ATK M 44 Oto Melara su torre HITFIST ORCWS, con elevato angolo di brandeggio utile nel combattimento urbano per colpire bersagli su tetti e finestre, affiancata da una 7,62 mm. Le armi possono essere utilizzate dall’interno. Tuttavia le versioni italiane dovrebbero essere prodotte con il 25 mm. La torretta puo’ ospitare 2 missili controcarro Spike (in versione probabilmente Long Range). Il motore scelto per tale veicolo in prova è stato un motore civile: l’Iveco Cursor 13 L da 560cv, abbinato a una trasmissione ZF automática ZF7HP902 con convertitore di coppia a 7 marce più retromarcia. Tale soluzione offre costi contenuti, elevata tecnología ed affidabilità. La velocità massima e’ di 100km/h, l’autonomia di 800km. La driveline e’ la H, la stessa del Centauro e Freccia. In acqua la propulsione e’ data da 2 eliche quadripala. In mare ci si muove a 5 nodi, e si possono affrontare acque a forza 3. La capacità è di 13 elementi, compreso equipaggio in torretta e pilota. Il veicolo scorre in mare molto silenziosamente, è capace di elevata motricità in fase di sbarco, ha elevate prestazioni. La protezione è molto elevata, grazie alla separazione della cellula protetta dalla sagoma esterna e dallo scafo a V che deflette l’energia delle esplosioni. La struttura consente anche di ricavare versioni diversificate per varie esigenze. Inoltre è aviotrasportabile su aerei C130 e A400. A tale veicolo sono interessati gli Americani: per lo US Marine Corp è richiesta una una velocità su strada come quella dei mezzi leggeri ruotati, una fuoristrada tale da seguire i carri Abrams e dimensioni tali da essere aviotrasportabili sui C-17. Il veicolo americano sarà un po’ più alto e largo. Si rammenta che il programma Expeditionary Fighting Vehicle non è stato portato avanti. Al VBA si affianca l’Urutu 6x6, costruito dalla Iveco per le Forze Armate brasiliane. Esso e’ ricavato su telaio accorciato ed è più piccolo e leggero.

 

di Antonio Frate