Velivoli stealth

Valutazione attuale:  / 0
ScarsoOttimo 
Creato Martedì, 18 Settembre 2012 19:32
Ultima modifica il Mercoledì, 10 Luglio 2013 11:25
Pubblicato Martedì, 18 Settembre 2012 19:32
Visite: 4323

Col termine stealth (in inglese “furtivo”) si indica la capacità, di mezzi militari, di rendersi occulti agli strumenti di ricerca nemici.

In particolare, già dall’ultimo conflitto mondiale, gli scienziati hanno rivolto le proprie attenzioni sullo sviluppo di aerei  invisibili ai radar nemici.

Ma e’ stato negli anni sessanta che un matematico russo, Ufimtsev,  ha pubblicato uno studio in base al quale si stabiliva che la sezione radar di un velívolo (rcs) dipendeva dalla capacita’ riflettente delle superfici e non dalle dimensioni.

Da questo studio prese origine lo sviluppo dei moderni aerei stealth.

Il B1-B, venne sviluppato proprio a partire dalla meta’ degli anni sessanta. Inizialmente il progetto, nato come B1-A, prevedeva la realizzazione di un bombardiere strategico d’alta quota da Mach 2 (bisonico), ma poi a causa dello sviluppo dei Mig 25 e 31 si decise di convertire il programa nel B1-B, velívolo specifico per il volo a bassa quota. Il B1 nasce come velívolo con una traccia radar molto piu’ ristretta del B 52: dalla traccia elevata di quest’ultimo si passò alla traccia di un piccolo aereo da turismo. Il B1 venne definito “a bassa osservabilita’”.

In sostituzione del B 1-B, nell’89 fu presentato il B 2, bombardiere che poi entrera’ in servizio attivo nel 1997, e l’anno successivo verra’ utilizzato in Kosovo. Il B 2 e’ un velívolo strategico pesante, subsónico, con capacita’ stealth ben piu’ elevate del B 1. Quello che lo caratterrizza sono i suoi costi altissimi: si calcola che il programa negli anni Ottanta sia costato 23 miliardi, per una produzione totale di 21 modelli. Sviluppato sotto l’amministrazione Carter, fu Bush S. a interrompere il programma, essendo cessata la guerra fredda. Tra l’altro, il velívolo ha una verniciatura delicata che ne obbliga il ricovero in hangar grandi e con aria condizionata. Ma in cambio, oltre a essere invisibile ai comuni sistema di rilevamento, puo’ rilasciare ordigni Jdam, piu’ precisi dei laser guided, in numero di 16 ad ogni passaggio.

L’F 117 e’ di certo l’aereo stealth piu’ famoso. Compare negli anni Ottanta e viene utilizzato per bombardare l’Iraq. Il NightHawk ha le dimensioni di un F 15, i motori F 404 (utilizzati dagli F 18 ma senza postbruciatori per ridurre la traccia térmica) e molte componenti prese dagli F 16 e dagli altri velivoli americani per ridurre i costi. Le superfici appaiono surreali e con la típica colorazione nero opaca. Il velívolo si presenta come qualcosa di unico.

Difatti ne sono stati prodotti solo poco piu’ di sessanta, inclusi i prototipi riadattati come velivoli di serie, e sono stati appannaggio esclusivo degli Americani. Sono stati dotati di un corpo di piloti limitato, gli unici a conoscerne le tecniche di funzionamento.  Addirittura era vietato ai giornalisti, quando li riprendevano, di avvicinarsi a breve distanza.

Nella prima Guerra del Golfo hanno dato un’ottima prova di se’. Nella guerra contro la Serbia e’ avvenuto il primo abbattimento ufficiale di uno di questi velívoli, anno 1999, ad opera del Colonnello serbo Zoltan Dani, con un SA-3 (S-125 designazione originale).

Si ritiene che egli abbia calibrato i radar con onde insolitamente lunghe. Inoltre egli ha studiato le rotte di passaggio comunemente seguite dai bombardieri NATO e in particolare degli F 117.

Con la fine degli anni ’10 del nuovo millenio  i Nighthawk sono stati definitivamente radiati.

Al loro posto sono entrati in servizio gli F 22. Si tratta dei velivoli nati per sostituire gli F 15, ma che non sono riusciti a soddisfare i requisiti richiesti, per cui la loro produzione si e’ limitata a poco piu’ di un centinaio di unita’, contro I 600 modelli previsti.

Tra il 1994 e il 2004 un altro velívolo stealth e’ stato sviluppato: l’elicottero RAH-66 Comanche.

Si trattava di un modello da combattimento di medie dimensioni, nato per rimpiazzare i Cobra, ma lo sviluppo e’ stato interrotto per le difficolta’ tecniche che si sono create. Tra le altre cose era dotato di un rotore anticoppia careneto, stive interne per ridurre la RCS, un cannone da 20mm alloggiato sul muso in un comparto che ne consentiva la retrattilita’. Le tecnologie studiate sul Comanche sono state trasferite sull’Apache.

Oggi e’ in fase di sviluppo l’F 35, il prossimo caccia medio americano che avra’ il compito di sostituire la quasi totalita’ dei velivoli da combattimento medi americani. Sul suo futuro si sono aperti numerosi dibattiti.

 

 

di Antonio Frate