La Polonia si dota dell’Anders

Valutazione attuale:  / 0
ScarsoOttimo 
Creato Domenica, 12 Agosto 2012 19:37
Ultima modifica il Mercoledì, 10 Luglio 2013 11:24
Pubblicato Domenica, 12 Agosto 2012 19:37
Visite: 4332

Il programma di difesa italiano non prevede attualmente alcun aggiornamento per le nostre componenti cingolate a causa dei  tagli alla difesa dovuti alla crisi economica stringente. Tempo fa venne presentato un prototipo del Dardo 2, che presentava vistose corazzature aggiuntive sui fianchi nonché un potente cannone da 30mm. Ma tale progetto per adesso non avrà spazio, limitandosi l’attuale amministrazione a innovare solo le componenti ruotate dell’Esercito.
Lo stesso non può dirsi per altri paesi. Dopo aver analizzato in precedenza sul sito di Embedded,  il programma Scout britannico, possiamo aggiungere che anche la Germania ha iniziato la produzione del proprio sofisticato Puma IFV, un mezzo dall’aspetto superbo e prezzo elevato (7mln di € l’uno).
Il ministero polacco della difesa nazionale (MND) ha in programma di firmare un contratto per avviare la produzione del prototipo di carro armato leggero nazionale Anders come parte del suo piano di aggiornamento delle capacità delle forze del paese. Il generale in pensione Waldemar Skrzypcza, vice ministro della difesa polacco, è stato citato dal giornale locale Rzeczpospolita sostenendo che il contratto sarà in primo luogo aggiudicato alla locale industria della difesa, per poi coinvolgere la collaborazione di imprese straniere di difesa solo durante la fase di progettazione e produzione.
Skrzypcza ha dichiarato che l'esercito intende avviare sul campo le prove dell’Anders entro i prossimi due anni. L’ Anders WPB è una linea di veicoli da combattimento cingolati medi sviluppati dall’ unità di ricerca OBRUM Gliwice, Gruppo Bumar, per sostituire nell'esercito polacco gli attuali obsoleti BMP-1 di epoca filo-sovietica. Il progetto è iniziato nel 2008 e il primo prototipo è stato rivelato nel 2010. Spinto da un power-pack diesel sovralimentato MTU da 720 cv e trasmissione Renk, lo stesso dell’Ulan (l’Ascod austriaco), ha una massa compresa tra le 32 e le  40t. Il veicolo è stato presentato inizialmente nella versione carro medio da 120mm (calibro NATO), in grado di trasportare un equipaggio di tre operatori (il comandante, il mitragliere e il conducente) più quattro fanti aggiuntivi. Fornisce protezione contro colpi da 7,62 mm, che può essere portata a 25 mm con Kit di protezione addizionali. La protezione antimina è di  8kg di esplosivo. Oltre al cannone 120 millimetri CTG Ruag, è presente una mitragliatrice co-assiale da 7,62 millimetri, una mitragliatrice da 12,7 mm, o un lanciagranate automatico da 40 millimetri, così come il sistema di protezione attivo di difesa della Rafael Trophy (israeliano). Il profilo della torretta è particolarmente affusolato e stretto. Le altre varianti dell’Anders  includeranno un IFV, con torre Otomelara Hitfist da 30mm prodotta su licenza in Polonia, la stessa che equipaggia anche gli AMV ruotati, una comando e controllo, una da evacuazione medica, il carro del Genio,  un veicolo semovente antiaereo, e il veicolo recupero blindato. L'esercito ha in programma di acquisire un totale di 1.000 nuovi veicoli in diverse versioni. La Polonia durante la guerra fredda è stata la nazione più potente dell’Est Europa dopo la Russia. Le Forze armate contavano ben 4000 carri armati e 700 velivoli. Con la caduta del Muro ha avuto inizio un programma di riduzione dei componenti e di miglioramento qualitativo, nonché di occidentalizzazione. Singolare negli anni 2005-2007 la scelta di dotarsi di F-16 Block c-d a prezzi elevati (in media 80 mln l’uno) in luogo dei più moderni Rafale francesi.  Il paese prevede in futuro di dotarsi anche di F 35. Ha partecipato alle missioni in Iraq e in Afghanistan saldamente al fianco degli USA.
Le condizioni economiche generali del paese sono positive: non fa parte della zona Euro e registra crescite continue.



di Antonio Frate