L'industria delle armi che non conosce crisi: l'AK 12

Valutazione attuale:  / 0
ScarsoOttimo 
Creato Sabato, 25 Febbraio 2012 12:48
Ultima modifica il Martedì, 10 Marzo 2015 13:56
Pubblicato Sabato, 25 Febbraio 2012 12:48
Visite: 1296

E’ stato presentato, in questi giorni, l’AK 12. Si tratta del modello che dovrebbe entrare in produzione per sostituire gli AK 47 e 74. Secondo la Izmash il nuovo fucile automatico d’assalto russo dovrebbe essere prodotto in due versioni, una leggera (con munizioni 5.45x39 mm, come l’AK 74,5,56x45 mm NATO, 7,62x39 mm, come l’onnipresente AK 47), ed una pesante (7,62x51mm). La prima é adatta ad accogliere i serbatoi in uso sui modelli in produzione attuale e un nuovo serbatoio da 60 colpi, la versione pesante invece utilizza un nuovo tipo di serbatoio. L’industria russa si avvicina ai prodotti moderni e funzionali sviluppati in ambito NATO. Caratteristiche del nuovo modello sono: uso ambidestro, guida picatinny, cover rinforzate, maggiore potenza e precisione, possibilitá di utilizzo con una sola mano, ergonomia. Anche l’industria russa segue quindi la strada di modelli d’arma automatica di nuova generazione, per competere con i nuovi modelli che si sono succeduti come M-4, Arx-160, Scar, H&K 41,Tavor etc. Gli ultimi comflitti hanno visto impegnate squadre di fanteria specializzate, per le quali é fondamentale ridurre la mortalitá in conflitti armati con terroristi, insurgents, etc.

 

di Antonio Frate