Nato Frigate Helicopter

Valutazione attuale:  / 0
ScarsoOttimo 
Creato Venerdì, 02 Settembre 2011 12:29
Ultima modifica il Mercoledì, 07 Novembre 2012 20:41
Pubblicato Venerdì, 02 Settembre 2011 12:29
Visite: 4568

 

E' stato consegnato alla Marina Italiana il primo elicottero NH-90 NFH (Nato Frigate Helicopter). Il velivolo è destinato al quinto gruppo elicotteri della Stazione Elicotteri M.M. "MARISTAELI" di Luni. L’Esercito è stato il primo acquirente dell’NH 90 in Italia: detiene una commessa per un totale di ben 60 NH-90, nella versione TTH (Tactical Transport Helicopter), denominata anche ETT (in italiano, elicottero da trasporto tattico). Su tale versione si sperimenta l’uso delle mitragliatrici brandeggiabili M 134 Dillon, che saranno capaci di un fuoco devastante contro le fanterie nemiche.
L'esemplare consegnato alla Marina fa parte, invece, di un ordine per un totale di 56 NH-90 (46 NFH e 10 unità TTH), che sostituiranno i vecchi AB 212 per vari ruoli, inclusi ASW(Anti Submarine Warfare, lotta antisommergibile), contro le unità navali di superficie (ASuW, Ant-Surface Warfare) e per il trasporto utility. Dotato di un radar, contenuto in un radome (involucro che protegge il radar) sotto la cabina di pilotaggio, di sonar filabile a mare e di un lanciatore di boe acustiche per la ricerca dei sottomarini. L’armamento antisom sarà, sulle unità italiane, il nuoco siluro Mu-90, di produzione italo-francese. Ci saranno poi i missili antinave Marte, Mk 2/s, o preferibilmente Mk 2 ER (Estended Range). La versione NFH ha una capacità di carico ed un’autonomia un po’ maggiore della versione TTH.

L’Aeronautica Italiana ha avanzato un’opzione su un elicottero TTH, ma probabilmente non si doterà di questo modello. Per il ruolo di salvataggio (SAR, Search and Rescue), in genere in ambito nazionale, e forse C-SAR,(Combat-SAR) si doterà di AW 149 o più probabilmente di AW 139 M, recentissima versione militare del best seller AW 139.
L'NH-90 è un elicottero multiruolo biturbina medio-pesante, quadripala, sviluppato a partire dagli anni novanta dal consorzio NHIndustries, (Francia, Germania, Italia e Olanda) formato dall'anglo-italiana AgustaWestland, la franco-tedesca Eurocopter e l'olandese Stork Fokker Aerospace. Successivamente si è aggiunto il Portogallo, con un’altra piccola quota. Attualmente, Paesi Bassi, Norvegia, Francia e Belgio hanno ordinato un totale di 111 esemplari della variante NFH di questo aeromobile. Si prevede che tale modello di elicottero avrà un grande successo commerciale: già da ora ci sono numerosi paesi che si dimostrano interessati. Espressamente concepito per uso militare, sarà uno dei principali sostituti del Bell Huey. Ma tra i paesi interessati non ci sono gli USA.

La Marina italiana, in base ai piani attuali, non si doterà di elicotteri più piccoli, considerati utili, ad esempio, negli spazi ristretti delle navi anfibie. Per fare un confronto lampante, la Royal Navy si è dotata di molti Super Lynx 300, modello più compatto degli NH 90.

 

 

di Antonio Frate