Afghanistan: quattro italiani uccisi, un ferito

Valutazione attuale:  / 0
ScarsoOttimo 
Creato Sabato, 09 Ottobre 2010 10:10
Ultima modifica il Mercoledì, 07 Novembre 2012 19:57
Pubblicato Sabato, 09 Ottobre 2010 10:10
Scritto da Administrator
Visite: 1665

© Copyright ANSA - Tutti i diritti riservati

 

ROMA - I quattro militari italiani uccisi oggi in Afghanistan sarebbero stati vittime di una imboscata al ritorno di una missione mentre si trovavano nella valle del Gulistan nella provincia di Farah. Ci sarebbe stato sia un attacco con colpi di arma da fuoco, sia l'esplosione di un ordigno. Sarebbero gravi le condizioni del militare italiano ferito nell'attentato di oggi in Afghanistan in cui sono morti quattro suoi commilitoni. Il militare avrebbe riportato numerosi traumi di vario genere; è stato "immediatamente evacuato con elicotteri di Isaf", la missione della Nato, spiegano al comando del contingente e portato nella base di Delaram. Potrebbe pero' essere trasferito nell'ospedale americano di Farah.

Le quattro vittime erano a bordo del Lince, in servizio di scorta a un convoglio di 70 camion civili. Gli automezzi rientravano verso ovest dopo aver trasportato materiali per l'allestimento della base operativa avanzata di Gulistan, denominata Ice. L'attentato e' avvenuto a circa 200 chilometri a est di Farah, al confine con l'Helmand. Si tratta di uno dei tre distretti di cui solo di recente e' stata affidata la responsabilita' ai militari italiani.

Sono tutti alpini i quattro militari italiani uccisi oggi in Afghanistan, così come il ferito. Il reparto dei cinque, secondo quanto si è appreso, si trovava già da mesi in Afghanistan ed è prossimo al rientro in Italia.

UNO DEI QUATTRO ALPINI MORTI E' SICILIANO

FRANCOFONTE (SIRACUSA) - E' siciliano uno dei quattro alpini morti in un agguato in Afghanistan, a circa 200 chilometri a est di Farah, al confine con l'Helmand. Si chiamava Sebastiano Ville ed era originario di Francofonte, paese del Siracusano.

AFGHANISTAN: UN MORTO E FERITO SONO SALENTINI

LECCE - Sono della provincia di Lecce uno dei quattro alpini morti e il ferito dell'imboscata compiuta stamani in Afghanistan. Lo si e' appreso nel capoluogo salentino.

ORDIGNO POTENTISSIMO, IL BLINDATO E' DISTRUTTO - Sarebbe stato un potentissimo 'Ied', un ordigno esplosivo improvvisato, a provocare la morte dei quattro militari italiani in Afghanistan. L'ordigno, rudimentale ma potentissimo, avrebbe investito in pieno un blindato 'Lince', che questa volta - a differenza di molte altre - non ha retto all'urto. Il mezzo, sul quale sembra viaggiassero tutti e quattro i militari uccisi e il ferito, è andato distrutto. All'esplosione sarebbero anche seguiti colpi di arma da fuoco.

COMANDO ITALIANO, ESPLOSIONE E SCONTRO A FUOCO INSORTI MESSI IN FUGA

ROMA - Una esplosione alla quale è seguito uno scontro a fuoco durante il quale i militari italiani hanno "messo in fuga gli aggressori": è la prima ricostruzione dell'attentato di oggi in Afghanistan, secondo il comando del contingente italiano ad Herat.

 

NAPOLITANO, INTERPRETE CORDOGLIO PAESE. PROFONDA COMMOZIONE PER UCCISIONE MILITARI ITALIANI

ROMA - Il Presidente della Repubblica, Giorgio Napolitano, ''appresa con profonda commozione la notizia del gravissimo attentato in cui hanno perso la vita quattro militari italiani impegnati nella missione internazionale per la pace e la stabilità in Afghanistan - rendendosi interprete del profondo cordoglio del Paese - esprime i suoi sentimenti di solidale partecipazione al dolore dei famigliari dei caduti''. Lo rende noto il Quirinale in un comunicato.

BERLUSCONI, DOLORE PER TRAGICA NOTIZIA. GRATI A TUTTI NOSTRI SOLDATI; VICINO A FAMIGLIE

ROMA - ''Ho appreso con dolore la notizia del tragico agguato ai nostri ragazzi impegnati a riportare la pacein Afghanistan. Siamo vicini alle loro famiglie come lo sono, nesono sicuro, tutti gli italiani. Attendo con trepidazione notizie sull'altro nostro militare ferito. Siamo grati a tutti i soldati italiani che, nelle diverse missioni in tante parti delmondo, consentono al nostro paese di mantenere i suoi impegni internazionali a favore della pace e contro ogni forma di terrorismo". Lo afferma il presidente del Consiglio Silvio Berlusconi.

 

BERSANI,GOVERNO AVVII RIFLESSIONE SU STRATEGIA. CORDOGLIO ALLE VITTIME E SOLIDARIETA' A LORO FAMIGLIE

BUSTO ARSIZIO (VARESE) - Il segretario del Pd, Pier Luigi Bersani esprime ''cordoglio alle vittime esolidarieta' alle loro famiglie'' commentando la morte deiquattro soldati italiani in Afghanistan, e chiede che il governoi taliano avvii insieme agli alleati una ''riflessione'' sulle prospettive e la strategia da tenere sul campo. ''E' una cosa drammatica - ha detto Bersani poco prima dell'inizio dei lavori dell'Assemblea nazionale del Pd - ed e'ora che l'Italia puntualizzi la strategia, cosi' come si era detto, per vedere le prospettive reali''. ''La situazione sul campo e' difficile - ha osservato - le prospettive incerte. Essendo chiaro che non si agisce fuori dal contesto delle nostre alleanze, dobbiamo riflettere insieme su cosa vuol dire realmente questa famosa nuova fase''.

BELISARIO (IDV), DOLORE, AFFETTO E RABBIA

ROMA - ''Viviamo con grande dolore questo ultimo lutto che ha colpito le nostre Forze Armate ed esprimiamo affetto e solidarietà alle famiglie de giovani militari che mdanno onore alla nostra Italia". Lo afferma il presidente del Gruppo Italia dei Valori al Senato, Felice Belisario, sostenendo però che " in questi particolari momenti, senza alcuna ipocrisia, esprimo tutta la mia rabbia per le giovani vite spezzate dalla mancanza di iniziativa internazionale del nostro Governo che, nonostante le richieste e le pressioni dell'IdV,non si è attivato per prevedere una strategia d'uscita da quegli scenari che sono di guerra. Al ministro degli Esteri e a quello della Difesa voglio rivolgere solo una domanda: chi e cosa difendiamo in Afghanistan se nel Paese sono in corso trattative tra governo e talebani?".

CONI, 1' DI SILENZIO PER TUTTO SPORT ITALIANO

ROMA - Il presidente del Coni, Giovanni Petrucci, ha invitato le Federazioni Sportive Nazionali, le discipline sportive associate e gli enti di promozione sportiva a far osservare un minuto di silenzio in occasione di tutte le manifestazioni sportive che si disputeranno oggi e domani in Italia, in memoria dei militari caduti in Afghanistan.

 

 

fonte: Ansa.it