LEGGE 29 ottobre 1997, n.374

Valutazione attuale:  / 0
ScarsoOttimo 
Creato Lunedì, 02 Agosto 2010 19:09
Ultima modifica il Giovedì, 08 Novembre 2012 11:08
Pubblicato Lunedì, 02 Agosto 2010 19:09
Visite: 1483

LEGGE 29 ottobre 1997, n.374
Norme per la messa al bando delle mine antipersona
La Camera dei deputati ed il Senato della Repubblica hanno approvato;
IL PRESIDENTE DELLA REPUBBLICA PROMULGA LA SEGUENTE LEGGE:


Art. 1 - Finalità
1.E’ vietato l’uso a qualsiasi titolo di ogni tipo di mina antipersona, fatto salvo l’utilizzo, a fini esclusivi di addestramento
per operazioni di sminamento, del quantitativo previsto dall’articolo 5, comma 1.
2. Sono vietate la ricerca tecnologica, la fabbricazione, la vendita, la cessione a qualsiasi titolo, l’esportazione,
l’importazione, la detenzione delle mine antipersona di qualunque natura o composizione, o di parti di esse.
3. Sono vietate l’utilizzazione e la cessione, a qualsiasi titolo, dei diritti di brevetto per la fabbricazione, in Italia o all’estero,
direttamente o indirettamente, delle mine antipersona o di parti di esse, e l’utilizzazione e la cessione, a qualsiasi titolo, di
tecnologie idonee alla fabbricazione di mine antipersona o di parti di esse.
Art. 2 - Definizione
1. Si definisce mina antipersona ogni dispositivo od ordigno dislocabile sopra, sotto, all’interno o accanto ad una qualsiasi
superficie e congegnato o adattabile mediante specifiche predisposizioni in modo tale da esplodere, causare un’esplosione o
rilasciare sostanze incapacitanti come conseguenza della presenza, della prossimità o del contatto di una persona.
Art. 3 - Obblighi a carico dei detentori di mine antipersona
1. Entro il termine di centoventi giorni dalla data di entrata in vigore della presente legge, le aziende italiane produttrici di
mine antipersona e loro componenti, e chiunque detenga a qualsiasi titolo mine antipersona o parti di esse, devono effettuare
denuncia delle mine antipersona e loro componenti di cui sono in possesso ai comandi territoriali dell’Arma dei carabinieri
e provvedere entro i successivi novanta giorni a consegnarle al Ministero della difesa, ai sensi della legislazione vigente, in
punti di raccolta all’uopo designati e resi noti dagli stessi comandi territoriali.
Art 4 - Obblighi di chi dispone di diritti di brevetto o di tecnologie idonee alla fabbricazione di mine antipersona
1. Chiunque dispone, a qualsiasi titolo, di diritti di brevetto o di tecnologie idonee alla fabbricazione di mine antipersona o
di parti di esse deve farne denuncia al Ministero dell’industria, del commercio e dell’artigianato entro sessanta giorni dalla
data di entrata in vigore della presente legge.
Art 5 - Distruzione delle scorte
1. Entro cinque anni dalla data di entrata in vigore della presente legge, il Ministero della difesa provvederà a distruggere
l’arsenale di mine antipersona in dotazione o stoccaggio presso le Forze armate, fatta eccezione per una quantità limitata e
comunque non superiore alle diecimila unità e rinnovabile tramite importazione, in deroga a quanto disposto all’articolo 1,
comma 2, della presente legge, destinata esclusivamente all’addestramento in operazioni di sminamento.
2. Entro lo stesso termine di cui al comma 1, il Ministero della difesa provvederà altresì a distruggere le mine antipersona
consegnate dalle aziende produttrici e dagli altri detentori, ai sensi dell’articolo 3.
3. All’onere derivante dall’attuazione dei commi 1 e 2, valutato in lire 10 miliardi annue per ciascuno degli anni 1998 e
1999, si provvede mediante utilizzo delle proiezioni per gli anni 1998 e 1999 dello stanziamento iscritto, ai fini del bilancio
triennale 1997-1999, al capitolo 6856 dello stato di previsione del Ministero del tesoro per l’anno 1997, allo scopo
1
parzialmente utilizzando l’accantonamento relativo alla Presidenza del Consiglio dei Ministri. Il Ministero del tesoro è
autorizzato ad apportare, con propri decreti, le occorrenti variazioni di bilancio.
Art. 6 - Decreto ministeriale
1. Entro sei mesi dalla data di entrata in vigore della presente legge, il Ministero della difesa, di concerto con i Ministri degli
affari esteri e dell’industria, del commercio e dell’artigianato, emana un decreto contenente la disciplina della distruzione
delle scorte di mine antipersona con modalità che tengano presenti anche le esigenze di tutela ambientale. Con lo stesso
decreto sarà individuato l’ufficio competente nell’ambito dell’amministrazione del Ministero della difesa e sarà istituito e
disciplinato un registro nel quale dovranno essere riportati i quantitativi ed i tipi di mine antipersona in possesso delle Forze
armate, nonché di quelle consegnate ai sensi dell’articolo 3 e le date e le modalità della loro distruzione; nello stesso registro
dovranno essere altresì annotate le denunce fatte ai sensi dell’art.4.Lo schema del decreto è sottoposto alle competenti
commissioni parlamentari che esprimono il Parere entro venti giorni. Il decreto è pubblicato nella Gazzetta Ufficiale.
Art. 7 - Sanzioni
1. Chiunque usa, fatte salve le disposizioni di cui al comma 1 dell’articolo 5, fabbrica, vende, cede a qualsiasi titolo, esporta,
importa, detiene mine antipersona o parti di esse, ovvero utilizza o cede, direttamente o indirettamente, diritti di brevetto o
tecnologie per la fabbricazione, in Italia o all’estero, di mine antipersona o di parti di esse, è punito con la reclusione da tre a
dodici anni e con la multa da lire 500 milioni a lire 1000 milioni.
2. Chiunque non adempia gli obblighi previsti dagli articoli 3 e 4 è punito con la reclusione da tre a sei anni e con la multa
da lire 200 milioni a lire 500 milioni, nonché con la pena accessoria dell’incapacità di contrattare con la pubblica
amministrazione per un periodo da cinque a dieci anni. 3. Le sanzioni previste dai commi 1 e 2 sono diminuite fino alla
metà se il fatto per cui si procede è di particolare tenuità.
Art. 8 - Attività in favore delle vittime di mine antipersona
1. All’articolo 2, comma 3, della legge 26 febbraio 1987, n.49, (dopo la lettera m) è aggiunta la seguente: "m-bis" il
sostegno alle vittime delle mine antipersona tramite programmi di risarcimento, assistenza e riabilitazione"
Art. 9 - Competenze dei Ministri e relazione al Parlamento
1. I Ministri degli affari esteri, della difesa e dell’industria, del commercio e dell’artigianato provvedono, in coordinamento
tra loro, all’attuazione della presente legge, compresa la distruzione delle mine antipersona ed in particolare dell’arsenale in
dotazione alle Forze armate di cui agli articoli 3 e 5.
2. I Ministri di cui al comma 1 presentano semestralmente alle competenti commissioni parlamentari una relazione sullo
stato di attuazione della presente legge. Nell’ambito di tale relazione, il Ministro della difesa riferisce annualmente in merito
allo smaltimento delle scorte ed ai relativi oneri finanziari.
Art. 10- Non apponibilità del segreto di Stato e del segreto militare
1. Alla materia disciplinata dalla presente legge non si applicano le norme sul segreto di Stato, di cui alla legge 24 ottobre
1977, n.801, e agli articoli 202 e 256 del codice di procedura penale; né le norme sul segreto militare di cui al regio decreto
11 luglio 1941, n. 1161.
La presente legge, munita del sigillo di Stato, sarà inserita nella Raccolta ufficiale degli atti normativi della Repubblica
italiana.

E’ fatto obbligo a chiunque spetti di osservarla e di farla osservare come legge dello Stato.
Data a Roma, addì 29 ottobre 1997

SCALFARO
PRODI