Celebrato in Libano il XXV anniversario della morte di Andrea Millevoi

Valutazione attuale:  / 0
ScarsoOttimo 
Creato Lunedì, 02 Luglio 2018 17:06
Ultima modifica il Lunedì, 02 Luglio 2018 17:06
Pubblicato Lunedì, 02 Luglio 2018 17:06
Visite: 393
Oggi il Contingente Italiano in Libano schierato nella base di Shama ha celebrato il XXV anniversario della morte del sottotenente Medaglia d’Oro al Valor Militare Andrea Millevoi, caduto a Mogadiscio nell’ambito dell’operazione umanitaria dell’ONU UNOSOM II (“Ibis” nella denominazione italiana)  per opera di un cecchino appartenente ai miliziani somali. La base, sede del Sector West di UNIFIL,  è infatti dedicata e intitolata alla Medaglia d’Oro. Alla cerimonia, particolarmente sentita, hanno preso parte volontariamente anche i colleghi stranieri. Il  Generale Paolo Fabbri, Comandante del Sector West di UNIFIL, dopo l’Alza Bandiera ha reso gli onori ai Caduti e deposto una corona d’alloro davanti alla lapide realizzata in ricordo del Sottotenente Millevoi. Il ceppo fu realizzato dai militari della Brigata Meccanizzata “Granatieri di Sardegna”, alla quale apparteneva il giovane Ufficiale nel 1993, poiché effettivo al reggimento “Lancieri di Montebello” (8°). Millevoi fu il terzo caduto italiano in quella che viene ricordata come "battaglia del pastificio", nella quale persero la vita anche il paracadutista di leva Pasquale Baccaro  ed il sergente maggiore Stefano Paolicchi. «Comandante di plotone blindo pesanti "CENTAURO", inquadrato nel contingente italiano inviato in Somalia nell'ambito dell'operazione umanitaria voluta dalle Nazioni Unite,” si legge nella  motivazione della Medaglia d’Oro al Valor Militare- “partecipava con il 183º Reggimento Paracadutisti "NEMBO" al rastrellamento di un quartiere di Mogadiscio. Nel corso dei successivi combattimenti, proditoriamente provocati da miliziani somali, con perizia ed intelligenza concorreva con le forze alle sue dipendenze allo sganciamento di alcuni carri rimasti intrappolati nell'abitato. Dopo avere scortato un mezzo adibito allo sgombero di alcuni militari feriti, si riportava nella zona del combattimento e incurante dell'incessante fuoco nemico coordinava l'azione dei propri uomini e contrastava personalmente con l'armamento leggero di bordo l'attacco nemico. Per conferire più efficacia alla sua azione di fuoco, si sporgeva con l'intero busto fuori dal mezzo esponendosi al tiro di un cecchino che lo colpiva mortalmente. Cadeva con le armi in pugno offrendo un chiarissimo esempio di coraggio, determinazione, assoluto sprezzo del pericolo ed elevatissimo senso del dovere sublimato dal supremo sacrificio. Mogadiscio, 2 luglio 1993.»
 
fonte Stato Maggiore della Difesa