Tecnologia militare, nuova collaborazione tra Italia e Usa

Valutazione attuale:  / 0
ScarsoOttimo 
Creato Giovedì, 21 Giugno 2018 19:44
Ultima modifica il Venerdì, 16 Novembre 2018 18:23
Pubblicato Giovedì, 21 Giugno 2018 19:44
Visite: 3736
Si passa dalle parole ai fatti. Dagli scambi di convenevoli al G7 tra Trump e Conte si arriva a mettere mano al portafogli: è notizia di ieri che il Corpo dei Marines USA ha scelto il veicolo anfibio ACV (Anphibius Combat Vehicle) da utilizzare per le proprie missioni, ed è il modello offerto da BAE, sviluppato in collaborazione con l'italiana IVECO Defence Vehicle. BAE è una multinazionale del Regno Unito (altro partner dell’amministrazione americana) attiva a livello mondiale e in particolare negli Stati Uniti. Il modello sconfitto nella competizione era offerto dalla giovane azienda SAIC. Il contratto consente alla società di entrare nella produzione inizialmente con 30 veicoli che dovrebbero essere consegnati entro l'autunno del 2019, per 198 milioni di dollari. La previsione è di mettere in campo 204 veicoli, per un valore totale del contratto di circa 1,2 miliardi di dollari, incluse tutte le opzioni. Il nuovo veicolo non è ancora perfezionato, infatti ci si aspetta delle modifiche con nuovi requisiti e ammodernamenti aggiuntivi. Il Corpo dei Marines sta già lavorando sui requisiti per l'ACV 1.2, che includerà un potenziamento della letalità per il veicolo anfibio. L'ACV sostituirà l'Assault Anfibious Vehicle (in servizio anche c/ il Battaglione San Marco) attualmente sottoposto ad aggiornamenti di sopravvivenza per mantenere il veicolo dell'epoca  della Guerra Fredda in servizio fino al 2035.  I test condotti dal governo sui prototipi BAE e SAIC includevano test di affidabilità sul terreno, sopravvivenza, test di esplosione e test in acqua, il rilascio e il recupero dalle navi e l'attraversamento dei acque agitate. Tra le caratteristiche che del veicolo BAE particolarmente allettanti si annovera lo spazio interno per 13 marines imbarcati più un equipaggio di tre persone, contro gli 11 della concorrenza. Il motore è un 6 cilindri da ben 690 cavalli, rispetto ai 560 del precedente motore (quale quello del Freccia), dal funzionamento estremamente silenzioso.  Il veicolo ha uno scafo a V antimina con struttura dei sedili completamente sospesa. Il 3° Battaglione Anfibio d'Assalto, 1a Divisione Marina di Camp Pendleton, California, dovrebbe ricevere i primi veicoli ACV 1.1. Va evidenziato che il Veicolo BAE si basa sul Centauro/Freccia italiano, ma anche il perdente competitor, della SAIC, non è basato su una piattaforma americana ma sul TERREX, di Singapore. Gli USA infatti hanno una industria che ha privilegiato sinora i cingolati. I ruotati americani Stryker, affidabili e ben collaudati, ma non adatti al ruolo anfibio, derivano dal MOWAG Piranha svizzero.  Secondo la Difesa americana, tali veicoli verranno dispiegati per gli sbarchi utilizzando numerose imbarcazioni di dimensioni compatte e su zone scarsamente difese, per evitare l'effetto dei missili antinave lanciati da terra. Gli ACV sono più piccoli degli attuali AAV, e la loro caratteristica è di poter portare le squadre direttamente sui luoghi di combattimento, utilizzando la protezione e l'armamento. Così, dopo la perdita del contratto della Beretta per la fornitura di postole alle Forze Armate Americane, la nostra industria della Difesa torna ad essere importante.  Se questo contratto apporta benefici all'industria italiana, dall'altro come si sa nel nuovo Contratto di Governo italiano non è prevista la cancellazione del contestato F 35. Va notato che sembra qualcosa si muovi sul versante costi: la Raytheon sostituisce Northrop Grumman per il futuro sistema di sensori dell'F-35. Il nuovo componete apporterà, a quanto pare, un risparmio di 3 miliardi di dollari sulla vita del programma DAS (sistema di sensori, appunto) a partire dal lotto 15, prodotto dal 2023. Tempo fa Trump dichiarò di voler ridurre i costi dell'F 35. E' notizia recente che gli incursori del 9° Reggimento Col Moschin hanno iniziato le prove del veicolo d'assalto General Dynamics Flyer 72, già adottato dal Socom americano, di produzione americana, che sostituirà l'ormai obsoleta Land Rover Defender nell'esercito italiano.  Gli Usa hanno iniziato ad esplorare soluzioni per produrre fino a 20 nuove fregate, e Fincantieri è stata selezionata per partecipare anche a questa gara, con la sua Fincantieri Marine Group; gli altri competitors scelti dal Pentagono sono Huntington Ingalls, Lockheed Martin, Austal Usa e General Dynamics Bath Iron Works. Infine si procede per la sostituzione dei vecchi addestratori T-38 Tallon, con una gara per un nuovo velivolo, denominato T-X, alla quale Leonardo partecipa con il T-100, prototipo derivato dal ben riuscito M 346 Master, già acquistato da Polonia, Israele, Singapore e Italia.
 
di Antonio Frate