Immigrazione e guerra

Valutazione attuale:  / 0
ScarsoOttimo 
Creato Venerdì, 21 Giugno 2013 12:35
Ultima modifica il Martedì, 10 Marzo 2015 14:10
Pubblicato Venerdì, 21 Giugno 2013 12:35
Visite: 5840

Il fenomeno migratorio è in forte aumento e lo dimostra il rapporto curato dall’Alto commissario delle Nazioni Unite. Nel 2012 la Germania ha accolto quasi 600 mila immigrati, la Francia circa 218 mila e la nostra Italia che ha ospitato 65 mila profughi. A provocare le migrazioni è soprattutto l’incubo della guerra, infatti il 50% degli immigrati, provengono da Afghanistan, Somalia e Iraq. E’ da segnalare che solo il 10% arriva in Italia in modo irregolare. L’ultimo caso risale al 19 Giugno scorso, quando 100 africani, nel tentativo di raggiungere l’Italia, sono rimasti aggrappati in mare a una gabbia per tonni. Su 100 purtroppo 7 sono morti annegati. “Il viaggio della speranza” lo definiscono in molti, perché esiste una linea sottile che divide la speranza dalla disperazione. Speranza di avere una vita migliore in Paesi che hanno bisogno, anche del loro aiuto e, disperazione di evadere da quel contesto “limitato” e scarno di possibilità di crescita. “La tragedia può abbattersi su migliaia di famiglie, costringendoli ad abbandonare la propria casa e il proprio paese” - queste le parole del Presidente Giorgio Napolitano, in occasione della Giornata mondiale del Rifugiato, il quale ha voluto sottolineare il rispetto e la dignità umana dell’immigrato e che la Comunità Internazionale ha il dovere di impegnarsi affinché i diritti fondamentali della persona siano tutelati. Gli fa eco il ministro dell’Interno Angelino Alfano il quale ribadisce che “E’ opportuno intervenire al più presto su regolamenti inerenti al fenomeno e porre fine a queste nuove forme di schiavismo.”

 

di Christian Giovanni Zaami